Le cause della pandemia di Covid, che dura ormai da due anni, sono molteplici tra cui la depressione che colpisce soprattutto gli adolescenti. Ecco i dati dello studio.

A quanto pare, la pandemia di Covid-19 ha portato numerosi problemi alla popolazione mondiale, oltre alla malattia di per sé. Chi soffre di più sono tra gli altri gli adolescenti, ecco perché.

Secondo uno studio di pubblicato su su JAMA Pediatrics, un adolescente su quattro, in Italia e nel mondo, ha i sintomi clinici di depressione e uno su 5 mostra segni di un disturbo d’ansia. Questo diffuso disagio mentale rischia di essere un serio problema per la salute futura dei ragazzi. A lanciare l’allarme sono gli esperti presenti al congresso nazionale della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia.

Con il lockdown e le severe regole da seguire, l’isolamento che si è generato non ha consentito di vivere in serenità e insieme ai coetanei i momenti fondamentali della crescita, dalle prime relazioni all’esame di maturità.

Uno studio condotto su 1500 bambini e adolescenti e pubblicato sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry rileva inoltre che questa situazione potrà purtroppo avere conseguenze negative sul lungo periodo: è stato infatti dimostrato che soffrire di depressione durante l’infanzia e l’adolescenza si associa da adulti a una salute peggiore, mentale e non solo, e a maggiori difficoltà nelle relazioni e nella vita in generale.

Insomma, il rischio è alto e si deve cercare di entrare subito in azione per poter salvare questi ragazzi, che hanno subito più di tutti questa pandemia da Covid-19.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

coronavirus

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 26-01-2022


“Stupido figlio di p***na”: Biden sbotta contro un giornalista

“Cercasi receptionist, inviare una foto in costume da bagno”: la richiesta assurda di un annuncio di lavoro