I cimiteri più belli del mondo: da quello della cattedrale di St. Andrews in Scozia al Monumentale di Milano, dieci luoghi da vedere una volta nella vita.

C’è chi viaggia per cercare sapori diversi, chi ama invece visitare tombe e cimiteri. Il turismo ‘funebre’ è da anni uno dei più sottovalutati, ma anche uno dei più sorprendenti. In molte delle città più visitate del mondo, ma anche in località remote e meno raggiungibili, si nascondono dei cimiteri ricchi di perle architettoniche e artistiche che meriterebbero di essere viste almeno una volta nella vita! Andiamo a scoprire dieci cimiteri imperdibili in tutto il mondo.

I cimiteri più belli del mondo

Partiamo dal Nord Europa. Le atmosfere misteriose e medievaleggianti fanno parte della cultura della Gran Bretagna settentrionale, come degli altri paesi nordici del nostro continente. Nel caso ci si trovi in Scozia consigliamo di dare un’occhiata all’antico e mistico cimitero che si trova accanto alle rovine della vecchia cattedrale di St. Andrews. Qui una foto che vi farà venire voglia di partire subito:

Rientriamo nel continente per fare tappa a Praga. Uno dei monumenti più visitati della capitale della Repubblica Ceca è il vecchio cimitero ebraico, uno dei antichi d’Europa, risparmiato anche dai nazisti durante l’occupazione. Avrebbe dovuto rappresentare per loro la testimonianza di un popolo estinto. Oggi invece è un luogo di drammatica intensità, la cui visita è indimenticabile. Di seguito una sua foto:

Uno dei cimiteri più famosi al mondo è quello di Père-Lachais di Parigi, il più visitato del pianeta. Non fosse altro che per la presenza massiccia di tombe di personaggi famosi: dal Molière a Maria Callas passando per David, Chopin, Balzac, Wilde, Modigliani, Edith Piaf e Jim Morrison.

Cimitero Père-Lachaise a Parigi
Cimitero Père-Lachaise a Parigi

Un altro dei cimiteri più celebri al mondo, nonché uno dei più spettacolari per tanti motivi, è quello del Monte degli Ulivi di Gerusalemme. Chiunque si trovi a viaggiare in Terra Santa non potrà mancare l’appuntamento con questo luogo incredibile:

E voliamo Oltreoceano per il cimitero di Greewood, ovvero il monumentale di New York. Situato a Brooklyn, ospita alcune personalità importanti, ma è soprattutto una sorta di opera d’arte a cielo aperto, oltre che un luogo di pace con pochi eguali al mondo:

Anche il Sud America ha però il suo cimitero monumentale ammirato in tutto il mondo. Anzi, ha ‘il’ cimitero monumentale per antonomasia, il cimitero della Recoleta, a Buenos Aires, una della maggiori attrattive della capitale dell’Argentina. Ecco alcune foto che non riescono a rendere l’idea della magnificenza di questo luogo:

E che dire del cimitero di Waverly, in Australia? Il luogo ideale per chi voglia riposare per sempre con il mare davanti, visto che è situato su una scogliera dal fascino straordinario. Qui una panoramica, giusto pera vere un’idea:

Poco lontano da Osaka c’è poi uno dei luoghi più magici e mistici sulla faccia della Terra, il cimitero di Okunoin, sul monte Koya. Uno dei luoghi più sacri del Giappone, ma anche uno dei più affascinanti in assoluto, che si ami o meno la cultura nipponica. Ecco una foto che rende solo vagamente l’idea di questa meraviglia assoluta:

Abbiamo fatto il giro del mondo, ma va detto che anche da noi ci sono dei luoghi funebri da non sottovalutare. Tra i cimiteri più belli d’Italia c’è sicuramente il Monumentale di Milano, forse il più famoso in assoluto del nostro paese. Un vero museo a cielo aperto con tombe di ogni stile, dal liberty al rinascimentale. Qui alcune foto:

Meno famoso, molto più piccolo ma altrettanto affascinante è invece il cimitero acattolico di Roma, nel rione Testaccio. Qui riposano Antonio Gramsci, John Keats e Percy Bysshe Shelley, all’ombra della Piramide Cestia, in un piccolo cimitero con tombe di ogni fattezza, capace di regalare emozione uniche a chiunque abbia voglia di trascorrerci anche solo qualche minuto. Di seguito alcune foto:

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Quibi, il servizio di streaming per smartphone chiude i battenti

Non sapete quale università scegliere? Ci pensa un algoritmo