Il Processo di Biscardi è stato uno dei suoi luoghi familiari, e ha fatto la storia di un nuovo modo di raccontare lo sport: ecco chi era Maurizio Mosca, dalle origini alle curiosità.

Maurizio Mosca è morto nel 2010, dopo aver impresso il suo nome nel mondo del giornalismo sportivo e del piccolo schermo. Per anni, ha trattenuto il pubblico nella sua effervescente e colorita narrazione degli eventi sportivi, firmando pagine di tv che restano nella storia. Scopriamo tutto sul suo conto, a partire dalla biografia

Chi era Maurizio Mosca?

Maurizio Mosca è nato a Roma, sotto il segno del Cancro, il 24 giugno 1940, ed è morto a Pavia, dopo una lunga malattia, il 3 aprile 2010. Giornalista e conduttore, ha calcato il set di tante importanti trasmissioni televisive e ha imposto la sua firma di opinionista sportivo al fianco di Aldo Biscardi.

Suo padre, Giovanni Mosca, era un umorista, giornalista e scrittore. Il fratello Paolo Mosca, scomparso nel 2014, era uno scrittore. All’alba della sua importante carriera, Maurizio Mosca ha lavorato per il quotidiano La Notte di Milano, poi a La Gazzetta dello Sport (testata in cui è stato anche direttore ad interim).

Oltre che per la sua straordinaria parabola nel mondo della carta stampata e del piccolo schermo, Mosca è famoso anche per i suoi pronostici sportivi con il “pendolino“, assoluto protagonista di sipari entrati di diritto nella memoria della televisione italiana.

L’appello del martedì, dove entrava in scena vestito da magistrato e nella quale, è stato uno dei programmi in cui il suo volto l’ha fatta da padrone, tra accenti ironici a metà strada tra la cornice dell’opinionista e quella del puro showman, pioniere assoluto della narrazione di un calcio in cui restano indimenticabili le sue “bombe di mercato“. Tra i format di cui ha calcato le scene, verve inossidabile e gestualità rovente, figurano anche Controcampo, Zitti e Mosca e La Mosca al naso.

Maurizio Mosca
Fonte foto: https://www.youtube.com/watch?v=ayimyYNl7JY

La vita privata di Maurizio Mosca

Nonostante una imponente figura pubblica, nella cornice di una popolarità indiscussa e intramontabile, di tutto ciò che riguarda la vita privata di Maurizio Mosca non vi è praticamente traccia.

Non si conoscono i lineamenti della sua storia più intima e riservata, di tutta quella dimensione umana e affettiva che restava sempre sull’orlo della sua fama televisiva e professionale.

Maurizio Mosca in 4 curiosità

• Sulla sua tomba, al Cimitero di Bruzzano, ha voluto un epitaffio che sigilla il perimetro di un carattere poco incline all’anonimato, sempre pronto a far parlare di sé: “Ho cercato di spargere allegria tra la gente“.

Arrigo Sacchi è stato uno degli allenatori che più ha apprezzato nella sua vita.

• Nel 2001 è stata pubblicata la sua autobiografia, intitolata La vita è rotonda… come un pallone da calcio (Rizzoli).

• Ha recitato in alcuni film di Neri Parenti (Paparazzi e Tifosi, rispettivamente nel 1998 e 1999), interpretando se stesso.

La quarantena fa ingrassare? Scarica QUI la dieta da seguire ai tempi del coronavirus.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Charli D’Amelio: ecco chi è la regina di Tik Tok

Francesco Le Foche, l’immunologo in prima linea contro il Coronavirus