Nel 2021, il suo nome si è impresso in una delle pagine più crude del crimine, accusato di aver ucciso il padre e di aver tentato l’omicidio della madre: chi è Marco Eletti, lo scrittore finito sotto indagine.

La storia di Marco Eletti è finita sotto i riflettori della cronaca nera dopo il dramma consumatosi nella casa di San Martino in Rio (Reggio Emilia) dei suoi genitori, Paolo Eletti e Sabrina Guidetti, aggrediti nel pomeriggio del 24 aprile 2021. Il padre è stato trovato senza vita, colpito con un martello alla testa, la madre agonizzante con i polsi tagliati e in stato di semi incoscienza. Poche ore dopo l’allarme che lui stesso avrebbe lanciato ai soccorritori, Marco Eletti sarebbe stato fermato con l’accusa di omicidio e tentato omicidio.

Chi è Marco Eletti?

Marco Eletti è nato a Correggio, sotto il segno della Bilancia, il 15 ottobre 1988. Sul web, un blog in cui parla della sua storia di autore di romanzi thriller e in cui ha fatto una breve presentazione del suo percorso: “Vive a Reggio Emilia -dice di sé -, scrive sia per lavoro sia per passione”.

Dopo gli studi è diventato un impiegato nel settore della manualistica e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Nel 2014 ha debuttato come scrittore con il romanzo intitolato Sotto stato d’assedio, un thriller a cui hanno fatto seguito Punto d’impatto e La regola del Numero Sette. Avrebbe partecipato per tre volte al Premio Urania – Mondadori arrivando in finale, e sempre sul suo spazio web ha definito L’Oasi il suo “racconto horror- thriller più riuscito”. Battiti di guerra e Tutto ciò non era per voi è una delle sue poesie che sarebbe stata pubblicata dal Museo per la Memoria di Ustica di Bologna.

Marco Eletti accusato di omicidio e tentato omicidio

Marco Eletti è stato fermato con l’accusa di aver ucciso il padre, il 58enne Paolo Eletti, e di aver tentato l’omicidio della madre, Sabrina Guidetti, 54 anni. Gli inquirenti avrebbero ipotizzato un movente legato a presunte questioni di patrimonio. Trasferito in carcere, si sarebbe detto innocente davanti ai reati contestati.

Paolo Eletti sarebbe stato trovato senza vita in casa, a San Martino in Rio (Reggio Emilia) con cranio sfondato a martellate. La moglie poco distante, forse narcotizzata e in condizioni di semi incoscienza, i polsi tagliati. Per lei, ancora viva, il ricovero in ospedale e il coma farmacologico con prognosi riservata.

Dopo il delitto, sarebbe stato proprio Marco Eletti a chiamare i soccorsi, ma la sua versione sui fatti e la dichiarata estraneità a quell’orrore non avrebbero convinto gli inquirenti. Tra le ultime informazioni emerse sulla sua storia, quella relativa alla sua partecipazione a L’Eredità di Flavio Insinna, nel 2019, come concorrente. “Fra i suoi numerosi interessi spiccano l’amore per la cucina della sua terra, la voglia di salire in moto e partire senza meta insieme alla sua compagnia, e il bisogno costante di sdraiarsi sull’erba e assaporare i silenzi della campagna“. Questo un altro passaggio delll’autoritratto che avrebbe affidato al suo blog prima della tragedia.


Tutto su Alessia Marcuzzi: dalla sua (felice) famiglia allargata agli hobby e le passioni

Ryan Friedkin: chi è il vicepresidente della Roma accostato a Diletta Leotta