La corte di assise di Roma ha disposto la scarcerazione di Rassoul Bissoultanov, il ceceno detenuto a Rebibbia che era stato accusato dell’omicidio di Ciatti.

Un difetto nella procedibilità, così è stata definito il motivo per cui Rassoul Bissoultanov è stato scagionato. L’uomo era stato accusato di aver ucciso Niccolò Ciatti, il 22enne fiorentino picchiato a morte l’11 agosto 2017 presso una discoteca di Lloret de Mar.

Le dichiarazioni del padre della vittima

“Ci restano solo amarezza, tristezza, lacrime e rabbia, non riusciamo a dare un minimo di giustizia a Niccolò”, ha commentato. Provo tanta rabbia e poi non riesco a pensare a mia moglie, da questa storia non ne saremo mai usciti ma adesso è ancora peggio, siamo distrutti in tutto e per tutto. Non so perché ci meritiamo tutto questo”.

Queste le parole di Luigi Ciatti, il padre di Niccolò, riportate da Tg Com 24. Il Sindaco della città è intervenuto dopo aver saputo del rilascio: “Questa notizia lascia davvero sconcertati e disorientati. Sono vicino alla famiglia Ciatti con la quale condivido la battaglia per una giustizia giusta e veloce contro gli assassini del ragazzo e auspico quantomeno una spiegazione esauriente dell’accaduto”. Nessuna giustizia o altra pista per ora per Niccolò Ciatti, rimane solo il dolore della sua famiglia.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-12-2021


Brescia: tre ore di coda per fare il tampone, l’attesa è lunghissima

Primo caso di “flurona” in Israele, un’infezione tra Covid e influenza