Piera Maggio non si arrende, vuole scoprire la verità sulla scomparsa della figlia, Denise Pipitone. Mamma Piera ha pubblicato un duro sfogo sui social contro l’archiviazione del caso.

Gli avvocati di Piera Maggio alcuni mesi fa hanno depositato la richiesta di opposizione contro l’archiviazione del caso di Denise Pipitone. Mamma Piera oggi ha pubblicato un lungo sfogo sui social, scritto a quattro mani con il marito Piero Pulizzi, in cui ribadisce la necessità di scoprire la verità sulla scomparsa della piccola Denise.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

“Chi ostacola la ricerca e la verità su Denise, non vuole il suo bene, né tantomeno il nostro. Prima di tutto, cercate dentro di Voi la coscienza e poi mettetela a vostro servizio. Siamo sicuri che vi porterà bene nel tempo.”

Mamma Piera ribadisce la falsità e l’ipocrisia incontrate lungo il percorso, che hanno ostacolato le indagini sul caso di Denise. E lancia una frecciata verso coloro che considera i fautori della tragedia: “Se non hanno un cuore, figuriamoci una coscienza.”

La donna ha sempre ritenuto Jessica Pulizzi e la madre di costei colpevoli della scomparsa della figlia. Ipotesi che sono state in parte confermate da alcune intercettazioni telefoniche, ma le due si sono sempre proclamate innocenti.

“Chi ostacola la ricerca e la verità su Denise, non vuole il suo bene, né tantomeno il nostro.” Afferma Piera Maggio che, diciassette anni dopo, continua a combattere per scoprire la verità.

Pochi giorni fa Piera Maggio aveva ringraziato il popolo italiano per il forte sostegno ricevuto in tutti questi anni: “Grazie di cuore a Voi che ci siete,” ha scritto Piera e poi ha aggiunto “Denise è figlia di tutta Italia”.

Un’Italia che ancora la cerca e la ricorda, e forse non ha mai smesso di sperare, proprio come Mamma Piera che ha sempre mantenuto viva la speranza.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 18-10-2021


Quel messaggio “bollente” a Icardi scoperto da Wanda Nara

Simona Ventura: “Non mi sento pronta a farmi chiamare nonna”