Carlo Cracco ha detto la sua in merito alla prossima riapertura dei ristoranti e alla fase due dell’emergenza Coronavirus.

Carlo Cracco ha dichiarato che i suoi ristoranti resteranno chiusi fino al 1° giugno, e fino ad allora – salvo cambiamenti – continueranno a svolgere il servizio a domicilio. Riguardo alla cosiddetta “fase due” dell’emergenza, lo chef ha parlato dei cambiamenti che apporterà all’interno dei suoi ristoranti per consentire al suo staff di lavorare in sicurezza e ai clienti di recarvisi senza rischi. Per quanto riguarda l’ipotesi dei pannelli in plexiglass inseriti tra i vari posti a sedere, Cracco si è detto fermamente contrario: “Piuttosto chiudo”, ha rivelato a Un giorno da Pecora.

Carlo Cracco
Carlo Cracco

Carlo Cracco: l’emergenza Coronavirus e la riapertura

Si tratta di un periodo molto complicato per tutti i settori dell’economia, e uno di quelli più colpiti è senza dubbio la ristorazione visto che – per evitare assembramenti – locali pubblici ristoranti e bar sono stati chiusi. Lo chef Carlo Cracco ha parlato a Un Giorno da Pecora di cosa avrebbe in mente per la prossima riapertura dei suoi ristoranti, e su quello che ci sarà da servire ai clienti (nel caso in cui le misure adottate fin qui si rivelino positive quanto al numero dei contagi): “Bollicine per tutti, mangiare non ne abbiamo bisogno, abbiamo mangiato fin troppo”, ha ironizzato lo chef.

Le misure di sicurezza

Per quanto riguarda invece le misure di sicurezza che dovranno essere adottate una volta che i locali riapriranno, Carlo Cracco si è detto contrario all’ipotesi d’inserire i pannelli in plexiglass tra un posto a sedere e l’altro, e del resto ha ammesso che secondo lui la voglia di andare al ristorante – complice la crisi economica che ha colpito molte famiglie italiane – sarà ben poca:

“Non vedo altre barriere che si possano frapporre tra cliente e personale. Già sarà una situazione strana, perché la voglia di andare al ristorante non sarà tantissima”, ha confessato lo chef. A causa del Coronavirus Carlo Cracco ha perso uno dei suoi più fidati collaboratori, e lui stesso lo ha annunciato via social con un messaggio carico di cordoglio.

La quarantena fa ingrassare? Scarica QUI la dieta da seguire ai tempi del coronavirus.

TAG:
Carlo Cracco

ultimo aggiornamento: 28-04-2020


Coronavirus, lo sfogo di Rudy Zerbi: “È stata dura…”

Che fine ha fatto Alessandro Egger, da volto della Kinder a drag queen