Capodanno cinese: data, durata e storia della festa di primavera

Quando si festeggia il capodanno cinese? Tutto quello che devi sapere

No, il capodanno cinese non si festeggia il 1° gennaio, ma in una data diversa con anche una durata insolita. Ecco tutte le informazioni che devi conoscere.

In ogni parte del mondo si festeggiano ricorrenze differenti, ma in Cina è tradizione festeggiare il Capodanno cinese, chiamata anche festa di primavera. Si tratta di un Capodanno differente da quello che siamo abituati a festeggiare in Occidente, a partire dal periodo. Quindi qual è la data che coincide con l’inizio del nuovo anno per i cinesi? Contrariamente a quanto si possa pensare, non esiste una data precisa, perché questa cambia ogni volta.

È strano per noi che venga chiamata festa di primavera, nonostante si festeggi solitamente in pieno inverno. Ma allora che senso ha? Quanto dura? E perché c’è sempre un animale in abbinamento all’anno in corso da festeggiare? Ecco alcune curiosità che devi conoscere sul Capodanno cinese.

Come funziona il Capodanno cinese: la data e la durata

Innanzitutto scopriamo quando cade ogni anno il capodanno cinese che, come abbiamo già accennato, non ha una data fissa. Questa viene stabilita nel giorno della seconda luna nuova, dopo il solstizio di inverno (ossia il 21 dicembre).

Capodanno cinese
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/nuovo-anno-cinese-luce-rossa-2693523/

La luna nuova, dopo tale data, può esserci tra il 21 gennaio e il 19 febbraio: il capodanno cinese, di anno in anno, cadrà quindi nella giornata della luna nuova. La data variabile è una peculiarità del calendario cinese tradizionale, che è lunisolare. Questo è utilizzato solamente per le festività, ma per la quotidianità il popolo orientale fa uso del calendario gregoriano, il nostro.

Quando dura? Anche in questo caso c’è una grande differenza con l’Occidente, perché mentre in Italia (e non solo) si fa festa solamente il 1° gennaio, il capodanno cinese regala ben 15 giorni di festeggiamenti, che si concludono con la festa delle lanterne, una parata con bambini che sostengono lucerne colorate.

Capodanno cinese 2020: quando si festeggia?

La data fatidica in cui si festeggia il Capodanno cinese 2020 è il 25 gennaio, con i festeggiamenti che si allungheranno nei giorni successivi. Il 2020, inoltre, sarà l’anno del Topo, come da astrologia orientale.

L’anno cinese, l’animale: come si sceglie

Per quanto concerne la scelta dell’animale abbinato all’anno cinese, che cambia proprio in corrispondenza al Capodanno, bisogna tener conto dell’astrologia orientale. Ogni anno, infatti, è contraddistinto da un segno animale: 12 elementi formano un ciclo. I diversi animali sono: Topo, Bufalo, Tigre, Coniglio, Drago, Serpente, Cavallo, Capra, Scimmia, Gallo, Cane, Maiale, in questo ordine. Ad esempio se il 2019 è l’anno del Maiale, il 2020 sarà l’anno del Topo, e così via.

Per il resto, la festa di primavera è simile al nostro inizio anno. Anche gli auguri del capodanno cinese sono simili a quelli che si scambiano solitamente in Occidente.

Capodanno Cinese
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/festa-cinese-mauritius-3741632/

Com’è nata la tradizione del capodanno cinese?

La feste cinesi sono sempre ricche di figure, maschere e leggende popolari, come si narra nella Storia della Cina.

Secondo un antico racconto pare che il Capodanno cinese serva per spaventare Nian, un mostro che usciva dalla sua tana ogni 12 mesi e mangiava le persone. Per sconfiggerlo, bisognava spaventarlo facendo rumore ed era necessario sfoggiare il colore rosso. Ecco perché la festa di primavera è un tripudio di fuochi d’artificio, danze e canti rumorosi, grandi fantocci e dragoni rossi e trionfanti portati in parata.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/nuovo-anno-cinese-luce-rossa-2693523/, https://pixabay.com/it/photos/festa-cinese-mauritius-3741632/

ultimo aggiornamento: 16-01-2020

X