Con la crisi energetica in atto ci dobbiamo preparare a dire addio alla birra? L’AD di Menabrea, che ha bloccato la produzione, non ha dubbi.

Con la crisi energetica, anche la produzione della birra è a rischio? La domanda è sorta dopo che lo stabilimento di Biella della Menabrea è stato costretto a chiudere per un giorno a causa della mancanza di Co2. I consumatori, giustamente, sono allarmati, ma l’AD di Franco Thedy li tranquillizza: il futuro della birra è roseo.

Birra: con la crisi energetica dovremo dirgli addio?

Un bel bicchiere di birra, che sia inverno o estate, fa sempre piacere. Qualcuno lo gusta a fine giornata, magari per chiudere al meglio la giornata lavorativa, mentre altri preferiscono sorseggiarlo dopo cena, davanti ad un bel film. A prescindere dal momento in cui la si beve, resta una delle bevande aggregative per eccellenza. Con la crisi energetica alle porte e con la notizia di Menabrea, che ha fermato la produzione per un giorno per la mancanza di Co2, la domanda sorge spontanea: dobbiamo preparaci a dire addio alla birra?

Franco Thedy, amministratore delegato di Menabrea, è stato raggiunto telefonicamente da Vanity Fair e ha risposto a tutte le domande sul tema. Lo stabilimento di Biella dell’azienda che rappresenta è stato costretto a fermare la produzione per una consegna in ritardo di una cisterna di Co2. Questo, però, non significa che la crisi energetica sta mettendo a rischio la birra.

Da sei mesi a questa parte lavoriamo affrontando la criticità del mercato e le difficoltà di reperimento della materia prima. (…) Anche la produzione della Co2 subisce l’effetto dell’aumento dei costi energetici e alcuni grandi impianti in Europa sono in ritardo nelle consegne, ma la questione è più strutturale. I problemi veri sono l’aumento delle bollette e delle materie prime in generale“, ha dichiarato Thedy.

La birra non è a rischio, ma gli aumenti sono certi

Appurato che la birra non è a rischio, Thedy ci ha tenuto a sottolineare che per affrontare la situazione “il sistema Italia dovrebbe forse fermarsi a riflettere“. Citando il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, ha ammesso: “Le aziende italiane sono forti ma non invincibili“. La crisi energetica ha portato ad un aumento delle materie prime e, di conseguenza, c’è e ci sarà un’impennata dei prezzi di vendita dei prodotti, non solo della birra.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-09-2022


Le più belle frasi su se stessi e sulla propria autostima

A casa di Gigi Hadid: un appartamento da capogiro!