Arriva la nuova Barbie Gender free, ovvero libera da ogni stereotipo e genere con la pretesa di soddisfare le “richieste dei più piccoli” abituandoli ad un mondo né maschile né femminile.

Che sia una trovata di marketing geniale e al passo con i tempi, su questo non si discute; ma che sia anche una richiesta dei bambini, questo è tutto da vedere. La nuova Barbie Gender free prodotta dal progetto globale Creatable World si propone come neutra. Cosa significa? Non ha seno, né tratti tipicamente femminili o maschili, rimanendo del tutto senza genere.

L’intento è quello di permettere ai bambini la loro massima espressione visto che la Barbie può essere modificata a piacimento. Sono molte le combinazioni possibili tra taglio di capelli e vestiario, a volte più mascolino a volte più delicato e femminile. Ma cosa c’è sotto? Scopriamone di più…

Barbie Gender Free, una bambola davvero per tutti?

L’idea tutta americana arriva dal progetto Creatable World dell’azienda statunitense Mattel. La trovata commerciale è sicuramente al passo con i tempi ma è davvero frutto di una richiesta dei più piccoli? A detta del gruppo, il gioco è stato studiato e realizzato da un team di medici, genitori e bambini. L’intento è quello di permettere un gioco di libertà in cui potersi esprimere al meglio. La bambola infatti è Gender free, ovvero libera da ogni genere, né maschio né femmina.

In poche parole sarà il bambino/a di turno a decidere che genere conferirgli grazie agli accessori, alle parrucche e agli abiti in dotazione. Tagli corti e colorati, carnagione chiara o più scura, tacchi o scarpe basse… La scelta di combinazioni sembra essere infinita.

Ma è davvero ciò che i più piccoli desiderano o è un’espressione del mood confusionale in cui vivono gli adulti? La pretesa di liberare i bambini dalle restrizioni di genere crolla di fronte alla formazione di personalità inquiete e insicure. Purtroppo l’incertezza sessuale esiste davvero e quando colpisce prende il nome di disforia di genere…

Disforia di genere, che cos’è?

Si tratta del disturbo che colpisce alcuni individui i quali non si riconoscono nel genere sessuale del loro corpo. In poche parole donne che si sentono più maschi e uomini effeminati che sono convinti di essere femminucce. L’origine di tale disturbo ha radici molto profonde e remote, a volte da influenze esterne avute sin dalla nascita. Altre volte si tratta di istinti e modi di fare così profondi e radicati che sembrano quasi provenire da molto lontano…

Per quanto riguarda i bambini, aiutarli nella crescita è davvero importante. Avere due genitori consenzienti e sicuri del loro ruolo nella crescita del piccolo fa la differenza sulla formazione della personalità. Per contrastare gli impulsi confusionali provenienti dall’esterno (spot pubblicitari, giochi…) un aiuto valido sono i libri. Bambini e lettura, questa è una trovata vincente per aiutarli a crescere felici e sicuri in questo mondo in continuo cambiamento!

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 04-10-2019


A casa di Pierluigi Diaco: un tuffo tra le magiche stanze della sua residenza romana

Il 4 ottobre è la Giornata mondiale degli animali: festeggiamola insieme!