Aurora Ramazzotti respinta: il fallimento arriva da Londra

Aurora Ramazzotti è stata respinta dal College di Londra che avrebbe dovuto frequentare con la sua amica, il motivo? Voti troppo bassi

chiudi

Caricamento Player...

Aurora Ramazzotti è stata respinta da un College di Londra, come ha dichiarato lei stessa al Corriere della Sera. Sarebbe dovuta volare in Inghilterra con l’amica del cuore, Sara Daniele: “Ora lei studia a Londra, dove sarei dovuta andare anche io lo scorso anno, al King’s College: però hanno respinto la mia richiesta di ammissione perché non avevo preso voti abbastanza alti. Quando è arrivata la bocciatura dall’Inghilterra, Sky mi ha proposto la conduzione di X Factor Daily, dove sono stata riconfermata quest’anno, inizio il 21 ottobre”.

aurora sara
Fonte foto: Instagram

Aurora dimostra molta saggezza per la sua età

“Quello che doveva essere un anno sabbatico si è rivelato una scelta definitiva: non andrò all’università e va bene così. Non c’è miglior scuola dell’esperienza”.

Dopo il no giunto dalla Gran Bretagna, infatti, la figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker è tornata in tv con il Daily di X Factor 10, in onda a partire dal 21 ottobre.

Non essere stata ammessa al King’s College è dura, ma Aurora non si piange addosso e va avanti: “Hanno respinto la mia richiesta di ammissione perché non avevo preso voti abbastanza alti. Non sono mai stata bravissima in classe”, sottolinea.

“Credo nelle Sliding Doors: quando è arrivata la bocciatura dall’Inghilterra, Sky mi ha proposto la conduzione di X Factor Daily, dove sono stata riconfermata quest’anno, inizio il 21 ottobre.

Quello che doveva essere un anno sabbatico si è rivelato una scelta definitiva: non andrò all’università e va bene così. Non c’è miglior scuola dell’esperienza”.

Londra però è una città a lei molto cara: “Lì ho ricordi bellissimi, come l’ultimo viaggio con mia madre un paio di mesi prima che partorisse Sole. E’ stato il nostro modo di chiudere una fase della nostra vita, un momento solo nostro: non lo dico con nostalgia, ma sapendo che le cose adesso sono cambiate”.