App per organizzare foto: le migliori applicazioni per smartphone e programmi per pc per tenere in ordine le proprie foto.

Dall’avvento delle fotocamere digitali prima e degli smartphone poi scattare foto è diventato alla portata di tutti, e soprattutto molto più rapido. Ci siamo ritrovati così nel giro di pochi anni con un mare di immagini e scatti capace di sommergere non tanto i nostri album cartacei, ma le memorie e gli archivi dei nostri pc e dei nostri smartphone. Se hai bisogno di mettere in ordine le tue foto, però, sappi che esistono tante app e programmi che possono esserti d’aiuto. Vuoi sapere quali sono i più consigliati? Scopriamolo insieme! Ecco le migliori app per organizzare foto.

App per organizzare foto su smartphone e pc

Prima ancora di conoscere programmi e applicazioni in grado di aiutarci nel tenere in ordine i nostri archivi fotografici, è importante imparare alcune semplici best practices che potrebbero iniziare a darci una mano. Gli esperti consigliano ad esempio di organizzare le foto in ordine cronologico. Spesso negli smartphone questo accade in automatico, ma anche quando portate gli scatti sul pc è consigliabile inserire le foto in delle cartelle specificando la data e un tema o il luogo dello scatto. Questo renderà molto più semplice ritrovare gli scatti con il passare del tempo, senza rischiare di perderle nel mare magnum dei nostri spazi di archiviazione.

Foto con lo smartphone
Foto con lo smartphone

Un altro consiglio degli esperti in materia di scatti digitali è quello di utilizzare dei tag, delle parole chiavi da attibuire alle nostre foto. In questo modo potremo trovare un gruppo di immagini unite dallo stesso tag, riuscendo a raggrupparle in modo rapido a prescindere dalle cartelle in cui sono contenute. Questi metadati possono essere aggiunti facilemente anche su pc utilizzando Windows Explorer o Mac Finder in ambito Apple. Ad ogni modo, è sempre bene non esagerare nell’archiviazione. Per semplificare le operazioni di organizzazione, cerca di mantenere solo le foto venute davvero bene, senza conservare anche scatti brutti o poco significativi.

Le migliori app e programmi per foto

Proviamo ad entrare nel concreto. Le tre app per organizzare foto su pc, o meglio i programmi più utilizzati e conosciuti, sono quelli preinstallati (Foto in Windows e Mac) e quello di Google, dal nome semplicemente di Google Foto. Si tratta di software in grado di farci creare progetti fotografici completi, album, di modificare gli scatti (magari aggiungendo scritte) ma anche di organizzarli.

Modificare foto pc
Modificare foto pc

Se quello che stai cercando è un programma per ordinare le foto doppie, puoi però utilizzare altri software meno conosciuti, come VisiPics o altri simili. Si tratta di semplici programmi che scansionano il disco rigido del nostro dispositivo e riescono a trovare scatti doppi o molto simili. Un’app davvero utile per chi utilizza uno scatto multiplo o è solito scattare diverse fotografie di uno stesso soggetto per poi scegliere quella migliore (magari dimenticandosi di cancellare subito le altre).

Un programma per archiviare foto gratis, ma anche per modificare le immagini o per geotaggarle, è Ashampoo Photo Commander. Molti utilizzano poi JPhotoTagger, un programma open source che ha un vantaggio da non sottovalutare: è utilizzabile su differenti sistemi operativi.

Se invece sei un professionista, o vuoi comunque cimentarti con software ancora più completi anche a pagamento, puoi optare per ACDSee Photo Studio, uno dei migliori sul mercato, in grado di sincronizzare i nostri dispositivi per poter avere tutte le nostre foto sempre con noi. Esiste anche la possibilità di provarlo per qualche giorno in versione gratuita. Non male no? In alternativa puoi scegliere il più famoso Lightroom o PhotoDirector. Insomma, di scelte ne hai molte. Non resta che armarsi di pazienza e mettere in ordine il proprio lavoro. Sarà un po’ faticoso, ma alla fine ne varrà la pena.

ultimo aggiornamento: 29-08-2021


Violenza psicologica: i sintomi che devono spingere a chiedere aiuto

Dichiarare il falso, cosa si rischia: le pene previste dall’articolo 495