Ambra Angiolini ha preso le difese del suo ex compagno, Francesco Renga, dopo la critica al vetriolo espressa contro di lui da Willie Peyote.

L’esibizione di Francesco Renga a Sanremo 2021 si è attirata contro non poche critiche, ma a quanto pare Ambra Angiolini (ex compagna del cantante e madre dei suoi due figli) non avrebbe affatto gradito quanto detto da Willie Peyote nei suoi confronti.

“Io credo che Renga, e mi dispiace dirlo perché lui è uno dei rappresentanti della bella vocalità all’italiana, ha cag*to sul microfono o l’ho pensato solo io? Ti dico solo che mi sembrava Aiello”, aveva detto il rapper su Twitch.

Ambra Angiolini e Francesco Renga
Ambra Angiolini e Francesco Renga

Ambra Angiolini contro Willie Peyote: le parole in difesa di Renga

Quanto affermato da Willie Peyote in merito alle esibizioni Sanremesi di Francesco Renga e di Ermal Meta al Festival di Sanremo 2021, ha sollevato una vera e propria bufera. Contro il rapper con parole infuocate si è espressa persino Ambra Angiolini, che con Renga ha avuto i due figli (Jolanda e Leonardo) e con cui oggi ha mantenuto ottimi rapporti. Stando a quanto riporta Fanpage, intanto, Willie Peyote si sarebbe scusato con Renga per quanto affermato su Twitch. Sarà vero? Al momento sui social i due cantanti non si sono espressi pubblicamente.

La replica di Ermal Meta

Renga non è stato l’unico contro cui si è scagliato Willie Peyote. In merito a Ermal Meta infatti il rapper ha detto: “Non ho assolutamente niente di personale contro di lui, ma ha cantato Caruso il giorno del compleanno di Lucio Dalla ed è una scelta ruffiana.”

Ermal Meta ha replicato con un Tweet in cui ha scritto: “Caro @willie_peyote voglio farti un dispetto e dirti quello che penso. Penso che tu sia bravo. Ieri eravamo a due metri di distanza nei camerini e se mi avessi detto di persona queste parole, saresti stato il coraggioso che appari sul palco. Buona fortuna e buona musica”.


Lo sfogo di Roby Facchinetti contro Sanremo e gli altri gossip del weekend

Fazio rivela perché si è operato: “Lo spavento è passato”