Alice Sabatini e la sua strana ossessione

La Miss Italia 2015 Alice Sabatini ha parlato dei suoi gusti maschili e ha svelato la sua vera e propria ossessione per una parte del corpo dell’uomo.

chiudi

Caricamento Player...

Alice Sabatini ha svelato la sua ossessione che riguarda il mondo maschile: la Miss Italia 2015 sembra abbia raccontato in un’intervista a Diva e Donna di avere una vera e propria repulsione per gli uomini i cui piedi presentano “calli, unghie nere o un dito più lungo dell’alluce” e sono quindi esteticamente poco attraenti. Sembra che la reginetta di bellezza non riesca nemmeno a farsi sfiorare da un uomo che non possiede i suoi criteri estetici: “Mi fa impressione essere toccata, anche sfiorata con piedi brutti. Una volta mi piaceva un ragazzo ma ho guardato in basso e mi è passata la poesia”.

La strana ossessione di Alice Sabatini

“Ho una vera ossessione per i piedi. Ho una repulsione per unghie nere e calli. Sarà che ho avuto due fidanzati calciatori e il mio ex aveva sempre l’alluce distrutto, senza unghia. Che schifo”.

Una strana dichiarazione visto che ora la modella sembra sia fidanzata con il calciatore Kevin Bonifazi, infatti secondo le fonti di Novella 2000, i due si sarebbero conosciuti attraverso i social ma dopo essere stati paparazzati, non sono ancora usciti allo scoperto.

Riguardo la sua ossessione continua affermando:

“Ho una fissazione, l’uomo non deve avere un dito del piede più lungo dell’alluce”.

La domanda però ora sorge spontanea: come sono i suoi piedi? Alice Sabatini ha dichiarato che nonostante siano ingombranti, sono curati:

“Ho un 41, ma sono carini”.

Infine, ha svelato di essere stata chiamata a partecipare a L’Isola dei Famosi ma non se l’è sentita di accettare:

“Mi hanno invitato a partecipare all’Isola dei famosi ma ho preferito dire di no”.

Lo scorso febbraio, la modella e giocatrice di basket, è stata ospite del programma “E poi c’è Cattelan“ e durante lo show ha scelto di tatuarsi in diretta un punto interrogativo, settimo tattoo per lei, spiegando al conduttore la sua scelta:

“La vita è un enorme punto interrogativo“.