Il 2 giugno si festeggia la nascita della Repubblica Italiana come la conosciamo oggi: fu una conquista di tutti, venuta grazie a uno storico referendum.

La Festa della Repubblica è legata a un fatto importantissimo per l’Italia, cioè la nascita della Repubblica italiana. La data di riferimento per questa celebrazione è il 2 giugno 1946, giorno nel quale gli italiani, tramite un referendum istituzionale, andarono a votare per scegliere se mantenere la Monarchia o per dare al paese una nuova forma di Stato e di governo (la repubblica appunto). Quindi, per celebrare questa ricorrenza, ogni anno il 2 giugno è festa nazionale. Ecco cosa c’è da sapere più nello specifico su questa celebrazione e come si svolge nella Capitale.

Festa del 2 giugno: origine e significato

L’Italia, in quel periodo, veniva dalla fine della Seconda Guerra Mondiale e del regime fascista, che era stato al comando nell’ultimo ventennio. A questo proposito, un’altra festa istituzionale, quella del 25 aprile, è legata alla liberazione del dittatura nazifascista in Italia.

bandiera italiana
Fonte Foto: https://pixabay.com/it/photos/italia-bandiera-italiano-vento-1205372/

Il 2 e 3 giugno del 1946, in un clima di rinnovamento, venne promulgato un referendum istituzionale per dare la possibilità a tutto il popolo italiano (per la prima volta anche alle donne fu consentito votare: il primo voto a suffragio universale del nostro paese) di scegliere tra monarchia e repubblica.

Votarono 25 milioni di cittadini italiani, e i risultati furono 12 717 923 voti per la repubblica e 10 719 284 a favore della monarchia, con la prima che divenne tale il 10 giugno del 1946 con una dichiarazione formale della Corte di Cassazione.

Festa della Repubblica italiana: la celebrazione a Roma

Per ricordare in maniera degna questa grande ricorrenza della storia d’Italia, il 2 giugno 1947, un anno dopo il referendum, ci fu la prima grande festa, anche se solamente nel 1948 ci fu la prima storica parata militare in via dei Fori Imperiali a Roma, com’è ancora oggi.

Infatti, concernente alla parata, c’è anche la deposizione di una corona d’alloro davanti alla statua del Milite Ignoto e all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica. La manifestazione negli anni ha subito dei cambiamenti e solo nel 2001, con Carlo Azeglio Ciampi, si è allargata non solo a Roma, ma anche nelle ambasciate italiane nel mondo. Durante il pomeriggio, infine, le celebrazioni continuano nei giardini del Palazzo del Quirinale dove suonano complessi dell’Esercito Italiano, dell’Aeronautica Militare italiana e tanti altri. Dal 2015 a presiedere la celebrazione c’è il Presidente della Repubblica in carica Sergio Mattarella.

Il lockdown fa ingrassare? Scarica QUI la dieta da seguire ai tempi del coronavirus.

Fonte Foto: https://pixabay.com/it/photos/italia-bandiera-italiano-vento-1205372/

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 13-05-2020


Isolamento da coronavirus: dalla voglia di uscirne alla difficoltà nel ripartire

Rogue One: A Star Wars Story, ecco dove è stato girato il film