Esistono 100 lire rare? Certo che sì. Scopriamo quali sono, quanto valgono attualmente sul mercato e perché è consigliato tenerle d’occhio.

Le 100 lire rare, così come tante altre monete, esistono: non sono solo una leggenda. E’ per questo che è consigliato tenere d’occhio quelli che consideriamo spicci perché potremmo avere tra le mani un vero e proprio tesoro. Non solo, è bene sapere che il loro valore potrebbe crescere con lo scorrere del tempo.

Quanto valgono le 100 lire?

Una moneta da 100 lire ha un gran valore, a patto che rispetti alcuni requisiti. Così come avviene per tante altre monete rare italiane, la loro quotazione è variabile e si può stabilire soltanto incrociando diversi fattori. Per quel che riguarda il valore della moneta da 100 lire, quelle più ricercate sono state coniate intorno agli anni Cinquanta.

E’ bene sottolineare, però, che devono essere perfettamente conservate e non presentare i cosiddetti errori di conio. Questi due dettagli, fondamentali per i collezionisti, portano ad un’oscillazione di prezzo che va da pochi centesimi a centinaia di euro. Di seguito un piccolo schema sulle 100 lire e il valore:

Collezione di monete
Collezione di monete
  • 100 lire del 1955: primo anno di stampa, con raffigurata Minerva e una testa d’Italia con corona di alloro rivolta a sinistra. Valore di circa 1000 euro;
  • 100 lire del 1956: più diffuse, hanno un calore di minimo 10 euro e un massimo di 100 euro;
  • 100 lire del 1957: hanno avuto poca diffusione e il loro valore, a patto che siano perfette, varia da 45 euro a 300 euro;
  • 100 lire del 1958: diffusione ridotta, la quotazione raggiunge circa 700 euro;
  • 100 lire del 1974: commemorative perché ricordano la ricorrenza della nascita di Guglielmo Marconi, con valore massimo di 350 euro;
  • 100 lire del 1979 e 100 lire del 1995: dedicate entrambe alla FAO, valgono poco, circa 2 euro;
  • 100 lire del 1981: dedicate all’Accademia Navale di Livorno, valore minimo, circa 2 euro;
  • 100 lire del 1993: molto diffuse, valore di circa 7 euro;
  • 100 lire di carta del 1874, del 1897 e del 1931: valore variabile.

Come già sottolineato, le 100 lire rare hanno un valore che oscilla in base a diversi fattori, per cui è sempre bene tenerne conto.

Le 100 lire che valgono di più

Per stabilire il valore delle 100 lire, quindi, dobbiamo prendere in considerazione diversi aspetti. Innanzitutto, se vedete che la moneta non rientra tra quelle coniate negli anni sopra citati, tenetele a casa per ricordo, ma sappiate che, per ora, non potete guadagnarci nulla. E’ bene sottolineare, però, che, con lo scorrere del tempo, qualcosa potrebbe cambiare. Pertanto, è vietato gettare via il denaro, anche se in quel momento sembra solo ferro destinato alla polvere. Le cento lire hanno valore, anche solo da un punto di vista affettivo: ricordano, infatti, un’epoca in cui tutto, forse, era più semplice.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 29-11-2021


Buy now, Pay later: la nuova modalità di pagamento a rate sui siti e-commerce

Variante Omicron del Covid: quali sono i sintomi per riconoscerla