Che cos’è e come funziona il Tool Library? Vediamo in cosa consiste il modello di economia circolare e, soprattutto, se è presente in Italia.

Nato in America nel 1943, il Tool Library si è diffuso e continua a diffondersi in tutto il mondo. Si tratta di un modello di economia circolare che, se venisse adottato in larga scala, potrebbe davvero cambiare le sorti del pianeta. Vediamo come funziona e se ha preso piede anche in Italia.

Tool Library: cos’è e come funziona

Il primo abbozzo di Tool Library risale al 1943, quando in Michigan, negli Stati Uniti, la produzione industriale ha iniziato a perdere i colpi a causa della Seconda Guerra Mondiale. Eppure, scavando nelle abitudini delle famiglie italiane, questo modello di economia circolare è sempre stato utilizzato anche prima di quella data, fino alla fine del Novecento. Basti pensare agli aiuti/favori che, un tempo, si scambiavano i vicini di casa: dalla macchina per fare la pasta alla televisione condivisa.

In sostanza, una Tool Library consente di noleggiare un oggetto che utilizzeremmo poco e poi riportarlo in loco quando lo scopo per cui ne avevamo bisogno è stato soddisfatto. Quante volte, ad esempio, abbiamo acquistato un oggetto che poi è finito nel dimenticatoio? Dagli strumenti utili per il bricolage agli attrezzi da cucina, passando per supporti medici/riabilitativi: sono tante le spese inutili che facciamo quotidianamente. Affittando ciò di cui si ha bisogno, a patto che non venga utilizzato ogni giorno, si risparmia e si riduce l‘impatto ambientale delle aziende diffuse in tutto il mondo. Le Tool Libraries, quindi, rappresentano un’alternativa sostenibile ed economica allo shopping incontrollato e inutile.

Tool Libray italiane: quali sono?

Dopo aver visto cos’è e come funziona una Tool Library, veniamo alla nota dolente: la presenza di negozi di questo tipo sul suolo italiano. L’idea di base, come avrete facilmente intuito, è quello della condivisione. A questa, poi si accompagnano altre mille sfaccettature: dal risparmio al rispetto per l’ambiente, passando per la voglia di avvertire un senso di appartenenza ad una comunità. In Italia, attualmente, ci sono soltanto quattro strutture di questo tipo: Leila Bologna a Bologna, Zero a Palermo, Oggettoteca a Firenze e Tool Library a Ravenna.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 21-06-2022


Pizze d’autore: quanto costano in Italia

Covid, Giorgio Palù: “La variante Omicron 5 può sfuggire anche alla quarta dose”