Simona Ventura e Belen Rodriguez insieme a Selfie: “Siamo due camioniste!”

Simona Ventura e Belen Rodriguez, presto in tv con Selfie – Le cose cambiano, hanno rilasciato un’intervista di coppia a Chi.


Logo Zalando 190x52

Simona Ventura e Belen Rodriguez stanno per tornare in tv, e questa volta insieme, per l’attesa seconda edizione del programma di Canale 5 Selfie – Le cose cambiano, prodotto dalla Fascino di Maria De Filippi. Le due showgirl hanno rilasciato un’intervista esclusiva di coppia al settimanale Chi diretto da Alfonso Signorini, dove hanno raccontato se stesse come donne e il loro rapporto con gli uomini.

Ottieni il look di Belen Rodriguez: splendida e sexy in ogni occasione!

Look Belen Rodriguez


Logo Zalando 190x52

“Ne abbiamo passate tante”

La conduttrice piemontese ha parlato della propria vita sentimentale, che è stata tutt’altro che facile, fino all’incontro con il vero amore della sua vita:

In fatto di relazioni, ci possiamo fare compagnia perché ne abbiamo passate tante. Ma, anche se la vita mi ha tolto qualcosa e la disperazione ha fatto parte di me, ho incontrato a 45 anni l’uomo della mia vita, Gerò, e penso che anche tu sia felice con Andrea Iannone“.

I rapporti fra la Ventura e sua “suocera”, Mara Venier, sono ormai del tutto raffreddati, tanto che la conduttrice non è andata al party organizzato per Carraro.

“Siamo due camioniste”

La showgirl argentina ha parlato della loro personalità da una parte molto forte, ma anche insicura e fragile: “Ma noi siamo due camioniste travestite da femmine. Combattiamo, abbiamo una personalità forte, difficile da sopportare per gli uomini che ci stanno accanto, e ci prendiamo la colpa, ma abbiamo anche tanti pregi alla fine il destino ti ripaga sempre.

Noi siamo forti, ma siamo anche più fragili di tante altre persone. Vogliamo le coccole ma siamo insicure e facciamo i dittatori per ottenere l’effetto contrario. Solo che non tutti lo capiscono.”

Nel programma Belen sarà un’inviata esterna e quindi non incontrerà il suo ex marito Stefano De Martino.