Melania Trump veste DG: gli stilisti ringraziano, i fan insorgono, Dagospia segnala

Chi ha paura della First Lady? Nessuno stilista vuole vestire Melania Trump: la donna allora si sceglie da sola un abito Dolce e Gabbana, che ringraziano…

chiudi

Caricamento Player...

Diversi stilisti americani stanno portando avanti una “crociata fashion” e lottano per non vestire la first Lady Melania Trump, in vitù di tutto ciò che il marito sostiene. La donna allora ha scelto da sola di comprare e indossare un vestito Dolce e Gabbana.

Stefano Gabbana dal suo profilo Instagram ha deciso di ringraziarla, scatenando l’ira dei fan che non approvavano. In seguito lo stilista ha motivato il suo gesto: “È stata una sorpresa anche per me. Ho visto la foto su un sito inglese e mi sono detto: ma è un nostro abito! Perché sia chiaro: Melania quel tubino nero se lo è comprata da sola, non so neppure dove, se in un nostro negozio o in un department store.

Così ho postato l’immagine su Instagram, ringraziandola per la scelta. Cosa avrei dovuto fare? Dire: “Lei no, prego, si tolga il mio vestito”? Io non discrimino nessuno e cerco di rispettare tutti, ma questo non vuole dire essere d’ accordo con le loro idee“, ha detto a Il Corriere della Sera.

Una foto pubblicata da stefanogabbana (@stefanogabbana) in data:

Melania Trump in Dolce e Gabbana ha causato una polemica social

Ai fan non era piaciuto per nulla lo scatto che ritraeva Melania Trump con il vestito italiano condiviso dallo stilista Stefano Gabbana. “Ma non ti vergogni a sostenere una donna come Melania?”, “Non compreremo mai più un Dolce e Gabbana” gli hanno scritto su Instagram.

E lui aveva replicato: “Di fans ignoranti non so che farmene”.

Vista la reazione degli stilisti, è ripartito il toto-vestito dei media anglosassoni: Melania Trump indosserà un abito di Dolce e Gabbana alla cerimonia di insediamento del presidente?

Ricordiamo che il prossimo 20 gennaio a Washington, Donald indosserà un completo Brioni. Contro di lui, infatti, non è in corso alcuna “crociata fashion”.