Piovono le polemiche su Lino Banfi, che in uno spot per Tim interpreta Oronzo Canà pronuncia il suo celebre “porca puttena”.

È stato uno dei tormentoni dell’estate, uno dei talismani che hanno accompagnato l’Italia nel suo cammino trionfale agli Europei di calcio, e prima ancora è stata la celebre esclamazione di Oronzo Canà nel cult “L’allenatore del pallone“. Ciononostante, il “porca puttena” di Lino Banfi è stato rimosso dal più recente spot per Tim in seguito alle proteste del Moige.
Il comico pugliese commenta così: «Non ho seguito la vicenda. Sono quarant’anni che dico questo tormentone, non è una novità per me. L’hanno detto anche i giocatori agli Europei.»
Il Movimento Italiano Genitori (o Moige), invece, ribadisce che si tratta di «una vittoria dei diritti dei minori in tv e sul web, troppo spesso trascurati.»

I commenti sui social

I social sembrano schierarsi quasi completamente dalla parte di Lino Banfi, criticando la polemica sollevata dal Moige per lo spot in questione. Fabrizio Biasin, giornalista, commenta così: «non sentiremo più PORCA PUTTENA, ma tutti parleranno del PORCA PUTTENA censurato.» Poi continua: «Morale: la solita battaglia totalmente inutile, PORCA PUTTENA.»

Chi commenta il suo post è d’accordo con lui. «Sarebbero da censurare i genitori perché oggi è da loro che i bambini imparano l’educazione», scrive qualcuno nei commenti. «Ci si scandalizza per una pubblicità poi però se tuo figlio piccolo ti manda a quel a paese ci facciamo la risata dicendo “è piccolo”… Mamma come siamo combinati.»
Altri attaccano direttamente il Moige: «Basta abolire il moige totalmente inutile. Genitori che danno il cellulare ai figli di 4 o 5 anni che vedono tutti i video su you tube e sanno più parolacce di me.»

ultimo aggiornamento: 01-09-2021


Chiara Ferragni e Fedez, paparazzato il litigio in barca

Francesca Barra in dolce attesa: la conferma sul profilo Instagram