Abbiamo intervistato Marco, uno dei responsabili di HotWhyNot.

Abbiamo intervistato Marco, uno dei responsabili di HotWhyNot, un sexy shop online, che oltre alla vendita di sex toys, dedica tantissime risorse per diffondere informazioni sull’educazione sessuale e molto altro.

Di seguito delle informazioni per conoscere meglio il progetto.

hotwhynot

Come è nato HotWhyNot ?

HotWhyNot nasce da una chiacchierata tra amici. Quella che all’inizio era solo una semplice idea, una delle tante su cui spesso ci si trova a ragionare, si è concretizzata qualche mese dopo con il sito web.

L’idea è sempre stata quella di trattare il sesso come qualcosa di molto più naturale e offrire prodotti che potrebbero migliorare la qualità della vita sessuale delle persone e persino la salute, in alcuni casi.

Lavoriamo nel mondo del commercio elettronico da più di 12 anni e conosciamo perfettamente tutti i processi che ci sono dietro  un negozio online.

Dall’inizio di questa avventura, abbiamo curato molto questo progetto chiamato HotWhyNot. Al sito web lavorano diverse persone, ognuna con compiti ben precisi: sviluppatori, designer, consulenti di marketing, content creator, esperti di sessualità.

Siamo una squadra giovane, dinamica e amiamo divertirci. Ci piace il nostro lavoro ma ci piace anche il sesso, senza tabù o pregiudizi di alcun tipo.

Il nome a cosa potrebbe essere riferito?

Il nome è stato qualcosa che ci ha richiesto un po’ più di tempo. Una delle prime idee è stata “me and my dildo”, ma presto abbiamo deciso che volevamo qualcosa di meno esplicito e più corto.

Mentre stavamo pensando, la prima cosa che ci è venuta in mente è il divertimento che i giocattoli portano al rapporto sessuale, e perché no? Anche al benessere sessuale.

Ed ecco che, cercando un nome più breve, è nata una combinazione tra tema caldo e l’idea di trattare qualcosa in più: nasce HotWhyNot .

Per quanto riguarda la diversità sessuale, ovviamente siamo d’accordo. Nel 21° secolo è preoccupante non esserlo. Supportiamo pienamente tutti i tipi di sessualità e pratiche (purché le persone coinvolte siano d’accordo). Ecco perché nel nostro punto vendita puoi trovare un’ampia varietà di prodotti per soddisfare tutti i gusti.

Quello che è chiaro è che vuoi prendere le distanze dall’idea di un vecchio sexy shop e offrire una visione molto più naturale  e meno pornografica. È difficile distinguersi dal resto e offrire qualcosa di nuovo?

Come ti ho detto prima, siamo nati con questa idea. Volevamo proporre qualcosa di nuovo, di diverso e chiaro… all’inizio era più facile distinguersi. Ora, ci sono sempre più sexy shop che supportano (o “copiano”?) la stessa idea, ma il trucco è non declinare e lavorare per offrire cose nuove, un buon servizio e aggiornarsi ogni giorno.

Il sesso, nonostante i progressi degli ultimi anni, è ancora un argomento tabù. Come si può aiutare il cliente a smantellare tutte le idee  che ruotano intorno all’osceno ed al proibito, dal momento che le persone godono apertamente della loro sessualità?

Questo è esattamente ciò che stiamo cercando di fare. Giorno dopo giorno, lavoriamo costantemente per rompere alcuni stereotipi e limiti sul sesso.

Inoltre, cerchiamo di creare un sito web comodo e chiaro, con descrizioni che vanno direttamente alle persone, senza ricorrere a complessi tecnicismi. Inoltre, cerchiamo di raccogliere le esperienze positive e negative, per poter garantire una maggior trasparenza sul nostro operato e far sì che gli utenti possano confrontarsi con altre esperienze.

Questo ci consente di comunicare con gli utenti indirettamente, grazie alle esperienze vissute dai nostri clienti. Quindi, per garantire il massimo della veridicità, ci siamo affidati a Veryfeedback.io, un sistema innovativo che utilizza una tecnologia avanzata basata su un registro distribuito, il quale consente, attualmente, il massimo per quanto riguarda la veridicità e la trasparenza delle recensioni.

Sappiamo che il sesso è qualcosa di naturale e molto vario. Le persone devono sentirsi a casa con noi e per questo cerchiamo di dimostrare che ciò che li emoziona è lo stesso che entusiasma tantissime altre persone e possiamo anche renderlo migliore, diverso con un prodotto.

Cosa ne pensa dell’educazione sessuale nel nostro paese? È la base per una normalizzazione del sesso?

Pensiamo che l’educazione sessuale sia una tappa importante, come in tutto. Ma ci sono anche tantissimi altri aspetti come l’educazione in famiglia, il linguaggio, la comunicazione dei media, e tanto altro. Alla fine è un aspetto culturale e la tendenza è che si normalizzi.

Tuttavia, possiamo citare dei buoni esempi di altri stati esteri, che ci raccontano l’introduzione dell’educazione sessuale nelle scuole primarie come materia curriculare e questo è un’ottima ispirazione per le scuole italiane, per avviare una nuova formazione educativa sul sesso.

Anche se in alcune regioni italiane vengono proposti dei progetti, ciò rappresenta sicuramente una buona base, che in futuro, potranno essere inseriti come parte dei programmi curricolari.

Quali prodotti hanno più successo nel web ?

Ebbene, anche se si vende molto, di tutto, ciò che viene venduto di più sono i vibratori.

Sono i prodotti di punta di questo business. Purtroppo, tra i vibratori, i prodotti più venduti sono quelli a basso costo.

Peccato perché ci sono vibratori di ottima qualità a 35€ che durano anni. In compenso la gente preferisce i prodotti da 15€, che non sono male, ma si nota una bella differenza.

Se dovessi consigliare un prodotto per iniziare a usare i giocattoli sessuali, quale sarebbe il tuo suggerimento per una donna? E per un uomo? Ci piace includere tutti, quale prodotto potrebbe essere un regalo perfetto indipendentemente dal genere e dalle preferenze sessuali?

Bene, per una donna, penso che il modo migliore per iniziare sia con un vibratore medio o piccolo. Uno che permetta loro di stimolare il clitoride prima di ogni altra cosa. Può anche essere il punto G.

In breve, un giocattolo con cui notano differenze con le loro relazioni tradizionali. E poi passare ai dildo più grandi o a oggetti pensati per stimolare la zona anale.

Per un uomo, la cosa più elementare è un anello del pene, ma ovviamente ha senso se l’esperienza sessuale è condivisa con un partner. Nel caso di un prodotto ad uso esclusivo di un uomo, consigliamo un masturbatore.

Si possono trovare sempre più repliche reali di vagine o ani, rendendo l’esperienza sempre più reale.

Un regalo perfetto dipenderà dai gusti di ognuno, ma un regalo base è un qualsiasi kit o uno che includa un paio di lubrificanti (a base d’acqua, siliconici e/o anali), un oggetto per creare atmosfera (come una candela, vernice commestibile per il corpo, biancheria intima, ecc.) e un paio di giocattoli (qui sarà necessario tenere maggiormente conto delle preferenze sessuali).

Ricevete molte domande sull’uso dei prodotti, su come decidere l’uno o l’altro giocattolo o domande sulla sessualità?

Riceviamo domande di ogni tipo. Consigli sull’articolo da scegliere e dubbi sul suo utilizzo. Ci sono prodotti molto complessi che richiedono un aiuto extra.

La decisione dipende da ciascun caso. Cerchiamo di personalizzare il più possibile ogni raccomandazione, motivo per cui l’uso della chat sul nostro sito Web è molto utile.

In linea di massima, gli uomini o le donne acquistano più prodotti erotici? A cosa potrebbe essere dovuto?

Ebbene, l’85% dei prodotti del nostro catalogo è rivolto alle donne. Tuttavia, l’80% degli acquisti viene effettuato anche da coppie che cercano di migliorare le proprie relazioni. Quindi alla fine sono più o meno il 50% di donne e il 50% di uomini.

C’è un prodotto che in nessun caso vorresti avere in negozio?

Penso che il nostro negozio sia l’opposto dei veti. Qui tutto è permesso, purché sia ​​legale ovviamente 🙂

È sempre positivo avere aspirazioni, sogni da realizzare, quale potrebbe essere il tuo obiettivo a breve termine? E a lungo termine?

Il nostro obiettivo è diventare un sito web di riferimento in Italia e non solo.

Puntiamo ad essere non solo un negozio, ma un luogo dove imparare e condividere. Vogliamo continuare a rafforzare il nostro laboratorio e le persone a condividere le loro critiche nelle opinioni sui prodotti.

A lungo termine vorremmo avere una maggiore presenza in Europa, anche se la concorrenza internazionale è forte.

L’anno scorso avete guidato la vendita online di prodotti erotici. Era qualcosa che ti aspettavi o desideravi a causa dell’impegno richiesto? Questo risultato ti ha colto piuttosto di sorpresa?

Abbiamo lavorato duramente questi anni per essere dove siamo. Non siamo stati colti di sorpresa perché abbiamo monitorato molto da vicino la concorrenza.

Sappiamo che è un business difficile e non dobbiamo perdere il buon trend che stiamo conducendo.

Grazie per averci parlato di HotWhyNot e dei suoi interessanti progetti.

Infine, hai voglia di aggiungere qualcos’altro?

In linea di principio penso che abbiamo giocato quasi tutto. Come ho detto prima, il nostro obiettivo non è essere solo un negozio.

Vorremmo essere un progetto divertente dove si crea un punto di incontro per persone aperte che vogliono migliorare la loro vita sessuale. Per questo motivo amiamo avere rapporti lavorativi con diversi blogger che si occupano di educazione sul sesso.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 12-08-2022


5 decorazioni per rendere la casa più bella ed accogliente

Accademia di seduzione: le tecniche giuste per conquistare una ragazza