Nonostante l’emergenza Coronavirus Matteo Salvini ha chiesto che le chiese vengano riaperte per Pasqua. Rosario Fiorello ha replicato via social.

Matteo Salvini ha chiesto che le chiese vengano riaperte per la Santa Pasqua, magari lasciando che le persone entrino sole e con le dovute distanze di sicurezza previste per l’emergenza Coronavirus. In tanti non hanno gradito la proposta dell’ex ministro dell’Interno, e tra questi c’è anche Rosario Fiorello che via social ha detto la sua.

“Secondo il mio parere, riaprire le chiese a Pasqua potrebbe essere un errore. Non credo che Dio accetti le preghiere solo da chi va in chiesa. Se sono credente e sono fedele posso pregare anche in bagno, cucina o salotto”, ha detto il famoso showman in una diretta con i suoi fan.

Matteo Salvini Fiorello
Matteo Salvini Fiorello

Fiorello contro Salvini

La proposta di Salvini per la Santa Pasqua ha fatto storcere il naso a molti. Del resto aprire le Chiese significherebbe esporre a numerosi rischi i fedeli che, per seguire la messa, dovrebbero mettersi in fila e mantenere le dovute distanze di sicurezza all’interno della diocesi (sempre che essa permetta di contenerne un numero esiguo, visto che non tutte hanno dimensioni enormi).

La stretta sulle misure restrittive per l’emergenza Coronavirus ha colpito qualsiasi possibile luogo di “aggregazione”, e ai cittadini italiani è stato chiesto di evitare gli spostamenti non necessari (recandosi solo a fare la spesa o a lavoro). Anche Rosario Fiorello non si è detto d’accordo con la proposta lanciata dal leader leghista: secondo lo showman per dimostrare di essere fedeli a Dio – in un momento come questo – non vi è alcuna necessità di recarsi in Chiesa (mettendo magari a rischio la propria incolumità o quella degli altri).