Prima svolta nel caso di Greta Nedrotti e Umberto Garzarella, coppia travolta e uccisa da un motoscafo sul Garda: arrestato l’uomo che era alla guida.

Sarebbe stato arrestato poche ore fa l’uomo di nazionalità tedesca che si trovava alla guida del motoscafo che ha travolto e ucciso Greta Nedrotti e Umberto Garzarella sul lago di Garda, il 19 giugno scorso. La coppia è morta dopo un incidente nautico su cui è intervenuta un’indagine sfociata nella misura cautelare a carico del 52enne Patrick Kassen.

Coppia uccisa sul lago di Garda, arrestato l’uomo alla guida del motoscafo

Il 52enne tedesco sarebbe stato fermato al Brennero, riporta Ansa, mentre era di ritorno in Italia e sarebbe stato trasferito in carcere. Il Tribunale di Monaco avrebbe convalidato l’arresto di Patrick Kassen, che secondo la ricostruzione dell’incidente sul Garda costatola vita ai giovani Greta Nedrotti e Umberto Garzarella, si trovava alla guida del motoscafo che avrebbe travolto l’imbarcazione delle vittime finendo per uccidere entrambi. La richiesta avanzata dalla Procura di Brescia sarebbe stata quindi accolta.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Camionetta dei carabinieri
Camionetta dei carabinieri

Coppia uccisa sul Garda, l’uomo alla guida del motoscafo sarebbe stato ubriaco

Alla luce degli elementi finora raccolti in sede di inchiesta, riferisce ancora l’agenzia di stampa, a carico del 52enne finito in manette si sarebbero profilate le accuse di omicidio colposo e omissione di soccorso. Stando ai rilievi condotti dopo l’incidente sul Garda costato la vita a Greta Nedrotti e Umberto Garzarella, il motoscafo che avrebbe travolto e ucciso la coppia di giovani viaggiava a velocità sostenuta: circa 20 nodi, secondo una simulazione condotta dalla Guardia Costiera, ben 4 volte superiore a quella consentita.

È stato documentato il conclamato stato di ubriachezza di Kassen, infatti sono state raccolte plurime e convergenti testimonianze, riscontrate da documentazione video e certificazioni sanitarie che non lasciano spazio a dubbi“, riporta Ansa citando fonti investigative.


Omicidio Chiara Gualzetti, il 16enne era in grado di intendere e di volere

Denise Pipitone, l’ex pm Maria Angioni rischia il processo per false dichiarazioni