Se provi a chiedere ad una ragazzo della Generazione Y o Z cosa sono le Nike Air Jordan saprà risponderti per filo e per segno. Eppure loro non erano neanche nati quando furono lanciate queste scarpe, cioè nel lontano 1984. Perché le Nike Air Jordan sono così popolari a distanza di quasi 40 anni dalla loro commercializzazione?

I motivi sono tanti, a partire dal matrimonio tra due icone nei loro rispettivi mondi: la Nike nella moda e Michael Jordan nello sport. Un’unione esplosiva che funziona ancora oggi.

Air Jordan Retro High 2020
Fonte foto: https://stockx.com/it-it/air-jordan-1-retro-high-black-metallic-gold-2020

Michael Jordan e Nike, un matrimonio che non si doveva fare

La nascita della Air Jordan è stata in realtà piuttosto tribolata. Nel 1984 Michael Jordan era un campioncino in erba, ma non ancora la stella che tutti abbiamo ammirato successivamente.

La Nike, brand già affermato che voleva legare il suo nome a grandi campioni dello sport, aveva messo gli occhi sul giovane Michael che già iniziava a fare meraviglie sui parquet di basket statunitensi.

Michael però inizialmente snobbò la corte della Nike, infatti sognava di firmare un accordo con l’Adidasoppure la ConverseDavid Falk, agente di Michael, voleva che firmasse poiché l’offerta era davvero astronomica. Fu la mamma di Michael, contattata direttamente da Falk, a sbrogliare la situazione. Suggerì al figlio quanto meno di ascoltare l’offerta dell’azienda statunitense. Michael si sedette così al tavolo, trovò l’accordo ed il resto è storia nota.

Il percorso delle Air Jordan: dai campi da basket alle passerelle d’alta moda

Il percorso delle Air Jordan è stato piuttosto singolare anche per quando riguarda la commercializzazione. Le scarpe nacquero fondamentale con finalità sportive, infatti erano dotate di una particolare tecnologia che migliorava le prestazioni soprattutto per quanto riguardava il salto.

Ben presto queste scarpe uscirono dai parquet e dai campetti di basket per arrivare nelle strade, diventando un oggetto cult in chiave street style da utilizzare nella quotidianità. Si diffusero notevolmente soprattutto negli outfit legati al mondo hip hop e rap, conquistando testimonial del calibro di EminemDJ Khaled e Drake.

L’ascesa delle Air Jordan era inarrestabile ed infatti, da lì a poco, passarono dalla strada alle passarelle d’alta moda. Un passaggio tutt’altro che scontato, che però si rivelò fortunatissimo. Addirittura Dior, poco avvezzo allo stile urban, decise di avviare una collaborazione con la Nike. Basti pensare che le Air Jordan realizzate in collaborazione con Dior costano la bellezza di 14.000 euro.

Air Jordan, un “tesoro” difficile da trovare

Dai ruggenti anni ’80 fino ad oggi le Air Jordan non hanno assolutamente perso il loro fascino, che anzi è aumentato sotto la spinta dell’effetto retrò. La Nike ha lanciato un’intera collezione Air Jordan, comprensiva di altri articoli per un abbigliamento streetwear come cappellini, felpe, t-shirt, pantaloncini, accessori e tanto altro per uomini e donne. Sul sito di Urban Jungle Store puoi avere una panoramica completa della linea.

Pur essendo molto ricercate non è così facile trovare le Air Jordan, soprattutto le edizioni speciali o limitate che rappresentano veri e propri tesori per i collezionisti. In realtà si tratta di una mirata strategia di marketing adottata dalla Nike, che punta sull’effetto scarsità del bene. Vengono prodotti solo pochi modelli proprio per aumentarne l’esclusività ed il desiderio di averli, conferendo ulteriore fama e prestigio.

È così nato il cosiddetto mercato del resell, che prevede la vendita online di modelli originali ormai introvabili ma a prezzi triplicati. Le scarpe più care in assoluto sono le Nike Air Jordan 1 High, vendute online alla cifra “monstre” di 615.000 dollari, l’equivalente di circa 520.000 euro. I collezionisti si sono scontrati senza esclusione di colpi per accaparrarsi queste calzature, che furono indossate da Michael Jordan in persona nel 1985.

ultimo aggiornamento: 29-07-2021


Come rafforzare le difese immunitarie?

Chi è Bob Odenkirk: tutto sull’attore di Better Call Saul