Claudia Montanarini è stata condannata a tre anni di reclusione?

Claudia Montanarini è stata condannata a tre anni di reclusione per aver aggredito la fidanzata del suo ex marito?

chiudi

Caricamento Player...

Secondo quanto riporta il Messaggero la showgirl ed ex tronista della trasmissione Uomini e Donne, Claudia Montanarini, sembra sia stata condannata con rito abbreviato a tre anni di reclusione per avere aggredito la fidanzata del suo ex marito. A deciderlo è stato il giudice Moscarda, nell’udienza preliminare di Roma. La Montanarini pare che per minacciare la rivale si sia avvalsa dell’aiuto di due agenti di pubblica sicurezza, a loro volta forse condannati per corruzione e stalking: sembra che i tre imputati debbano anche risarcire con la provvisionale di 15 mila euro la donna aggredita.

Tre anni di reclusione per Claudia Montanarini?

Il fatto accaduto risalirebbe al maggio del 2014: la Montanarini secondo l’accusa e quanto riporta pupia.Tv , sembra che avendo scoperto la relazione tra l’ex marito e la donna, la showgirl avvicinò quest’ultima facendole pesantissime minacce e poi per essere più convincente pare ingaggiò due agenti pagandoli perché la intimidissero.

Secondo quanto riporta Blastingnews, Claudia, dopo aver scoperto la relazione dell’ex marito Daniele, cominciò a minacciare la fidanzata di quest’ultimo, anche con frasi molto provocatorie:

”Tutti lo devono sapere, ti porto in televisione, non sai chi sono io. Io sono un personaggio pubblico, devi chiedere scusa in ginocchio. Pensaci prima di parlare di me perché la prossima volta ti faccio lo scalpo. Fammi quante denunce vuoi, tanto io c’ho i soldi per fare tre guerre”.

Sembra che la giovane minacciata sia giunta alla denuncia e la vicenda dunque pare sia finita in tribunale: da qui è sorto un procedimento che oggi sembra si sia concluso con ben tre condanne dopo due anni dall’accaduto. La donna lesa inoltre, pare dovrà essere risarcita con una provvisionale di ben 15 mila euro.

Come andrà a finire? Non ci resta che attendere nuove notizie.

Fonte copertina: Pinterest