Si sono formati nel 2019, e la loro storia è un autentico gioiello artistico. Scopriamo la vera natura dei Meduza, e qual è il segreto del loro straordinario successo.

I Meduza si sono imposti sulle scene internazionali nel 2019, anno della loro formazione, per poi spiccare il volo con hit da centinaia di milioni di stream su Spotify. Una formula vincente, la loro, capace di generare un fenomeno in continua evoluzione sull’onda lunga della musica dance, tanto che sono stati anche invitati come ospiti al Festival di Sanremo 2022 e alla finale di X Factor dello stesso anno. Ecco la biografia e alcune curiosità che riguardano il trio di producer italiani che ha conquistato il mondo!

Chi sono i Meduza, le biografie

I Meduza sono il trio della house music nato sotto il segno dei record. Formatosi nel 2019, è un gruppo di tre producer e dj che molti credono inglesi ma… sono tutti italiani!

A cosa è dovuta l’errata interpretazione delle loro origini? Al fatto che il loro singolo di punta, Piece of your heart, ha sfondato inizialmente nel Regno Unito, tra radio, tv e carta stampata, prima di imporsi anche all’attenzione della critica made in Italy.

Meduza: identikit della formazione

I Meduza sono una realtà artistica che ha l’architettura vincente di un trio, amanti della dance e capaci di intercettare interessanti soluzioni sonore in un tessuto musicale fin troppo saturo di estensioni commerciali e ripetitive.

I tre italiani che stanno dietro lo straordinario progetto si chiamano Simon de Jano (pseudonimo di Simone Giani), Luca De Gregorio e Mattia Vitale, e una delle hit dell’estate 2019, Piece of your heart, cantata dai Goodboys, è proprio un loro successo tra i più incredibili dell’anno (in cui hanno contato circa 30 dischi di platino)! Un esordio davvero col botto…

In seguito, hanno continuato a incrementare il loro catalogo musicale con altre hit, famose in tutto il mondo, come Lose Control, Born To Love, Paradise e Tell It to My Heart. Nel 2022 sono i super ospiti del Festival di Sanremo, voluti fortemente da Amadeus. Stessa cosa avviene per la finale di X Factor.

Dove abitano i Meduza e quanto guadagnano

I Meduza sono una formazione milanese che ha raggiunto vette stratosferiche tra i successi musicali globali. Dall’Italia al resto del mondo il passo, per loro, è stato davvero breve e mosso a suon di musica dance. La loro casa è il mondo, anche se potrebbero risiedere ancora tutti nel capoluogo lombardo, anche se non ci sono conferme in merito.

Non sono noti i guadagni del trio, ma grazie ai loro brani suonati ovunque e il loro successo dovrebbe solamente incrementare.

5 curiosità sul trio dei Meduza

-Il trio milanese dei record ha sfondato il muro di impressionanti consensi non solo sui social ma anche su Spotify, piattaforma in cui la loro Piece of heart è stata la canzone più ascoltata in 24 ore!

-Il suddetto singolo che ha segnato il loro esordio mozzafiato si è anche piazzato al secondo posto tra i brani più cercati su Shazam…

-Si sono esibiti nella cornice del celebre stadio di Wembley poco dopo il debutto, consegnando la firma italiana a un successo imperituro.

-I tre milanesi hanno diverse esperienze artistiche, confluite poi nel progetto simbolo della loro fama planetaria. Simone Giani e Luca De Gregorio sono diplomati al Conservatorio di Milano – il primo in organo e il secondo in musica elettronica – e sono musicisti. Lo hanno svelato a Tv Sorrisi e Canzoni, nel corso di un’intervista in cui è emerso anche il vero identikit di Mattia Vitale, un dj ‘puro’.

-Dal 2021 sono i dj resident del Wynn Las Vegas, un resort di lusso.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-12-2022


Chi è Adelmo Togliani, il figlio di Achille Togliani

Heather Parisi: tutto sulla showgirl che soffre di agorafobia