Chi è Enrica Bonaccorti: biografia, vita privata e curiosità

Enrica Bonaccorti: tutte le curiosità, dalla sfuriata più celebre della tv a quella carezza di Ungaretti…

Della sua attività di conduttrice si sa praticamente tutto, volto tra i più amati del piccolo schermo. Ma quali sono le curiosità su Enrica Bonaccorti? Eccole!

Il vero nome di Enrica Bonaccorti impegna parecchio spazio sul foglio: Enrica Maria Silvia Adele Bonaccorti. Lungo come lunga è la sua carriera in tv, ricca di grandi successi e con un aneddoto indimenticabile. Scopriamo tutte le cose da sapere sul suo conto, dalle origini alla vita privata…

Chi è Enrica Bonaccorti?

Enrica Bonaccorti è nata a Savona, sotto il segno dello Scorpione, il 18 novembre 1949. La sua fama la vede tra le stelle del piccolo schermo, conduttrice tv e radio raffinata e sensibile, mai sopra le righe e sempre attenta al suo pubblico.

Ma non è tutto, perché la sua carriera vanta l’attività di attrice e, soprattutto, quella di autrice di testi (ha scritto lei alcune delle più belle canzoni della musica italiana!).

Per Domenico Modugno ha scritto la celebre La lontananza, e non solo… L’esordio in Rai risale al 1978, ma la consacrazione è avvenuta nell’era dei programmi Italia sera e Pronto, chi gioca? Sapevate che ha condotto la primissima edizione di Non è la Rai?

Enrica Bonaccorti
Fonte foto: https://www.facebook.com/enrica.bonaccorti

La vita privata di Enrica Bonaccorti

Nella vita di tutti i giorni, Enrica Bonaccorti è una mamma felice. Infatti, ha una figlia, Verdiana, avuta nel 1973 dall’ex marito Daniele Pettinari. Tra le due un rapporto speciale, che la conduttrice vive al riparo dai riflettori.

Nel passato di Enrica Bonaccorti alcuni amori importanti: da Michele Placido ad Arnaldo del Piave, poi Carlo di Borbone e Francesco Villari. Una delle sue relazioni più celebri è stata quella con Renato Zero (con cui ha mantenuto un legame di profondo affetto).

Enrica Bonaccorti e Carlo di Borbone

In un’intervista a Effe, Enrica Bonaccorti ha rivelato che lasciò la TV per l’amore di un principe, Carlo Di Borbone. La conduttrice si prese una cotta per lui proprio durante il culmine della sua carriera e decide di prendersi una pausa da tutto.

La loro relazione durò tre anni, ma finì per «motivi connessi alla sua famiglia. Sapevo che non avrei potuto sposarlo. Me lo disse proprio lui con grande onestà».

In ogni caso, se c’è una cosa di cui la Bonaccorti non si è mai pentita, sono i colpi di fulmine che ha avuto: «Ne ho avuti quattro e sono stati quattro amori veri che amo ancora».

Dove vive Enrica Bonaccorti?

Enrica Bonaccorti vive a Roma, città dove si è stabilita con la sua famiglia e ha poi proseguito la sua luminosa carriera. Assente su Instagram, è attiva su Twitter e Facebook…

Preferisce mantenere i propri affetti in una cornice riservata e non ci sono molte altre informazioni in merito. Sappiamo, però, che nella sua adolescenza ha vissuto tra Genova e Sassari per via del lavoro del padre, un ufficiale.

5 curiosità su Enrica Bonaccorti

-Come attrice ha recitato in Eleonora (con Giulietta Masina) e in L’amaro caso della baronessa di Carini… Poi i film Prima della lunga notte (L’ebreo fascista) e Faccione

-Ha partecipato ai campionati regionali di atletica durante il suo periodo sassarese, nel 1965, aggiudicandosi una strepitosa medaglia d’argento nel lancio del disco!

Amara terra mia è l’altra canzone che ha scritto per Modugno, successo memorabile, poi Nostra dea (interpretata da Rossella Falk) e Rimmel & Cipria (delle Sorelle Bandiera).

-Celebre la sua sfuriata televisiva durante Non è la Rai, nel lontano 1991, quando una concorrente, in gioco da casa per il Cruciverbone, ha risposto correttamente alla domanda prima che la conduttrice la formulasse. La Bonaccorti ha interrotto il gioco e denunciato la truffa. La donna è stata assolta perché il tribunale ha ritenuto fondata la tesi della premonizione.

-Il poeta Giuseppe Ungaretti le ha accarezzato le gambe mentre guidava! Lo ha raccontato lei stessa a I Lunatici di Radio 2, come riporta Today: “Se è vero che mi molestò? Beh, insomma, adesso le chiameremmo molestie. Io stavo svenendo, pensavo fosse un film. Avevo 18 anni. Per me era come pensare a Leopardi che ti dà un pizzicotto sul sedere“.

ultimo aggiornamento: 02-09-2019

X