E’ andato a Lydie Salvayre il premio Gouncourt, uno degli omaggi più importanti di Francia

Uno dei premi letterari più importanti in Francia, va alla scrittrice Lydie Salvayre che vince grazie al libro “Pas pleurer”.

chiudi

Caricamento Player...

Il premio Gouncourt è stato assegnato alla scrittrice Lydie Salvayre che si è detta assolutamente felice e soprattutto molto emozionata del riconoscimento, un premio prestigioso tra i più importanti premi letterari ed il più importante in Francia.

Pas Pleurer è un romando della scrittrice Lydie Salvayre, arrivato in cima alla classifica per la vittoria, dopo cinque turni di votazioni, a combattere con la scrittrice c’era anche Mersault contro-enquete, altro romanzo dello scrittore Kamel Daoud.

La vittoria è, alla fine dei cinque turni, andata alla scrittrice per un totale di 5 voti su 4, il Goncourt assegnato per questo bellissimo romanzo con al centro un amore impossibile e sullo sfondo la guerra spagnola.

Stavolta è una storia che fa parlare Georges Bernanos, ispirandosi a Les Grands Cimetières sous la lune e facendone un testimone della guerra civile spagnola. Bernanos denuncia il terrore e dialoga con Montse, madre della narratrice, che sessantacinque anni dopo i fatti di Spagna ricorda la sua infanzia con leggerezza, avendo rimosso un passato terribile. Due parole, due visioni che si contrappongono, tra brutalità e finezza, con una prosa impeccabile.

I libiri di Salvayre, già prix Hermès per La Déclaration, insignita tra ll’altro del prix Novembre per La Compagnie des spectres e del premio François-Billetdoux per BW sono tradotti in numerose lingue in tutto il mondo.

Gli altri finalisti erano Kamel Daoud, Pauline Dreyfus e David Foenkinos. L’annuncio della vincitrice è stato dato oggi a Parigi dalla giuria dell’Accademia Goncourt. “Pas pleurer” è un romanzo sulla guerra civile spagnola, in cui il narratore è ossessionato dalla figura del grande scrittore francese Georges Bernanos e dalla voce di sua madre che gli racconta la sera l’insurrezione libertaria in Spagna nel 1936.

Come vuole la tradizione, nello stesso giorno del Goncourt è stato assegnato anche il Prix Renaudot, altro storico premio letterario parigino. Il vincitore è lo scrittore francese David Foenkinos con “Charlotte” (Gallimard), che era in lizza anche per il Goncourt. In gara c’erano anche Serge Joncour, Pierre-Yves Leprince, Jean-Marc Moura e Amélie Nothomb con il suo romanzo di successo “Pétronille”. Il romanzo di Foenkinos racconta la tragedia di Charlotte Salomon, giovane artista ebrea tedesca, uccisa nel lager nazista di Auschwitz all’età di 26 anni.