Volto noto del TG2, Maria Grazia Capulli lascia nello sgomento il mondo del giornalismo

Difesa dei più deboli, rispetto per l’informazione: il ricordo di Maria Grazia Capulli sarà un’eredità preziosa.

chiudi

Caricamento Player...

E’ lutto nel mondo del giornalismo per la scomparsa di Maria Grazia Capulli, nota giornalista del Tg2 venuta a mancare a soli 55 anni a causa di una lunga malattia. Il funerale si è svolto prima a Roma e poi a Camerino (Macerata), sua città natia.

Cospicua l’affluenza di amici e colleghi RAI come i dirigenti Maurizio Mannoni e Tiberio Timperi, il presidente Maggioni e il direttore generale Campo Dall’Orto. Presente anche il Presidente della Camera Laura Boldrini.

Nel dolore generale spicca quello della mamma, costretta da un crudele destino a partecipare alle esequie di una figlia ancora troppo giovane.

C’è unanimità, tra parenti, colleghi e amici nel definire la Capulli “Una persona bellissima”. Non un modo di dire, ma un dato di fatto. Chiunque abbia avuto a che fare con lei, nella vita e nel lavoro, ha potuto apprezzare la sua sensibilità e il suo buon cuore.

La notizia della sua morte ha gettato nello sgomento l’intera redazione del Tg2.

Volto storico legato soprattutto all’edizione delle 13, Maria Grazia Capulli è stata ricordata da tutti con grande calore e con immenso dolore. La collega Daniela De Robert l’ha ricordata con una toccante lettera: “Da anni quello di Maria Grazia è stato uno dei volti del Tg2. Conduttrice e inviata, era convinta che l’informazione debba dare voce e visibilità ai più deboli, che la televisione sia essa stessa cultura e debba favorire la diffusione della conoscenza, dell’arte, della letteratura, dei racconti, del piacere di viaggiare e conoscere il mondo attraverso le parole scritte”.

Grande commozione anche nelle parole di Maurizio Mannoni: “Questa giornata per noi della Rai è di un dolore intenso. Chi la vedeva in video vedeva una bellissima ragazza. Lasciatemi dire, era molto di più. Una persona bellissima”.

Questi gli ultimi saluti a una grande giornalista e a una donna eccezionale.