Vivienne Westwood Primavera Estate 2016 alla Paris FW

Eccentrica e originale, la collezione Vivienne Westwood Primavera Estate 2016 conquista le passerelle di Parigi

chiudi

Caricamento Player...

Ha sfilato sulle passerelle della Paris Fashion Week la coloratissima collezione Vivienne Westwood Primavera Estate 2016, con la sua originalità e i suoi abiti fuori dagli schemi ma sempre all’avanguardia. Da che mondo è mondo Vivienne Westwood ama stupire con la sua fantasia e le sue creazioni, che sembrano provenire da un futuro della moda che a noi è ignoto, ma che a lei è dato conoscere con il compito di raccontarlo ai comuni mortali.

La novità assoluta e che ha scosso la critica modaiola, sono i cappotti coloratissimi e con fantasie per lo più floreali, portati sopra la testa grazie a una sorta di sostegno in acciaio poggiato sulle spalle. L’intera collezione Vivienne Westwood Primavera Estate 2016 si ispira alla moda degli anni ’80: troviamo maxi maglie, tessuti lucidi, pantaloni con fusciacca, giacche con spalline importanti, stivali enormi. Non manca anche il look capelli e make up fuori dalle regole: esagerati, voluminosi e geometrici.

Vivienne Westwood7

Clicca qui per vedere la fotogallery!

Oltre agli anni ’80, la collezione Vivienne Westwood Primavera Estate 2016 è un elogio e un messagio di allarme e speranza per la città di Venezia, una delle più belle del mondo che rischia di scomparire o comunque di essere rovinata a causa del continuo aumentare del surriscaldamento globale. Come in tutte le collezioni, anche in questa la stilista ha voluto lanciare un messaggio nascosto tra le sue creazioni di moda. Non solo anni ’80 e capi originali ed eccentrici, ma nella collezione Vivienne Westwood Primavera Estate 2016 troviamo anche romanticismo e femminilità, dati dall’abbondanza di fantasie floreali non così comuni per la maison più stravagante del mondo dell’alta moda. Insomma, Vivienne Westwood ha stupito su tutti i fronti anche se alcuni non hanno compreso le sue particolari linee e il suo complesso e geniale estro creativo, che è il suo vero marchio di fabbrica.