I Vincitori dei Golden Globes Awards 2014

Al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles, in California, si è svolta la 71esima edizione dei Golden Globes Awards 2014.

chiudi

Caricamento Player...

Una giuria composta da circa 90 giornalisti iscritti all’Hollywood Foreign Press Association ha premiato il grande e instancabile regista Woody Allen, l’anno dopo Martin Scorsese, con il premio alla carriera Cecil B. DeMille Award.

Sul palco dei Golden Globes 2014 a ritirare il premio non c’era Woody Allen ma Diane Keaton, che in un discorso sempre al limite tra il serio e l’ironico che però rende perfettamente al pubblico l’idea dell’importanza che Allen abbia avuto ed ha per il cinema moderno: “E’ difficile credere che circa 79 delle donne più affascinanti del mondo sono state nei film di Woody Allen. La cosa eccezionale è che non c’è nulla che leghi questi ruoli, se non il fatto che siano stati concepiti dalla mente di Woody Allen.

Ricordo sempre una sua frase: L’immortalità tramite l’arte non è così importante, Truffaut è morto, la sua arte vive, ma questa cosa non serve poi molto a François Truffaut. Io preferisco vivere nel mio appartamento”. Conclude poi dicendo: “E’ un onore per me accettare il premio per conto del mio amico Woody Allen. Probabilmente in incontri come questi, per quanto splendidi, non sempre si trasformano in un’amicizia che dura quarant’anni. Quasi mi spezza il cuore sapere che lo conosca da tanti anni. Se lui mi vedesse in questo momento, chiederebbe di farmi scendere dal palco perché sto delirando”.

Il premio come miglior film drammatico dei Golden Globes lo ha vinto “12 Anni Schiavo”, l’opera di Steve McQueen sul secessionismo americano e “American Hustle” di David O’Russell invece, risulta essere il più premiato con ben tre statuette ottenute nelle categorie di miglior commedia, miglior attrice protagonista e miglior attrice non protagonista, queste ultime vinte dalle bravissime Amy Adams e da Jennifer Lawrence. Altro riconoscimento importante dei Golden Globes è quello per la miglior regia, consegnato al messicano Alfonso Cuaron che ha diretto Sandra Bullock e George Clooney nel suo film fantascientifico “Gravity”.

Gli altri attori premiati ai Golden Globes sono stati Leonardo di Caprio grazie alla magnifica interpretazione da protagonista in “The Wolf of Wall Street”, Matthew McConaughey per “Dallas Buyers Club” , Cate Blanchett, vista in “Blue Jasmine” di Woody Allen, e Robin Wright che ha vinto come Miglior Attrice in una Serie Drammatica per la monumentale “House of Cards”, dove l’attrice finora ha effettivamente fatto un lavoro superbo nell’interpretare il difficile personaggio di Claire Underwood; l’attrice, che indossava ai Golden Globes un abito color oro con la schiena completamente nuda, era accompagnata dal fidanzato Ben Foster, che sfoggiava per l’occasione un inedito taglio rasato. Una vera e propria rinascita per Robin, sposata per sedici anni con Sean Penn, tanto che aveva cambiato anche il suo nome d’arte aggiungendo quello del marito. Dopo la difficile separazione sembra vivere davvero una seconda, splendida, vita.

Tra gli altri riconoscimenti dei Golden Globes, il più ambito è senza dubbio quello di Miglior Serie Drammatica, che l’anno scorso è meritatamente andato a “Homeland”, mentre quest’anno è andato altrettanto meritatamente a “Breaking Bad”.

Per il nostro Paese però, la soddisfazione più grande è rappresentata dalla vittoria ai Golden Globes de “La Grande Bellezza” nella categoria di miglior film in lingua straniera; Paolo Sorrentino infatti si è guadagnato il Golden Globes battendo un’agguerrita concorrenza, composta da “La vita di Adele” di Abdellatif Kechiche, “Il passato” di Asghar Farhadi, “Il sospetto” di Thomas Vinterberg e “Si alza il vento” di Hayao Miyazaki. L’ultimo italiano ad aggiudicarsi il riconoscimento della Hollywood Foreign Press Associaton era stato Giuseppe Tornatore con “Nuovo Cinema Paradiso” nel 1989. Sorrentino nel ritirare il premio ha detto:  “Grazie Italia, questo è un Paese davvero strano ma bellissimo”; la prossima sfida per lui sarà quella degli Oscar 2014, dove “La grande bellezza” è tra i nove candidati per il miglior film straniero.

I Vincitori dei Golden Globes Awards 2014
I Vincitori dei Golden Globes Awards 2014

Ecco la lista dei premi dei Golden Globes:

Cinema
Miglior film drammatico: “12 Anni Schiavo” di Steve McQueen
Miglior attore drammatico: Matthew McConaughey per “Dallas Buyers Club”
Miglior attrice drammatica: Cate Blanchett per “Blue Jasmine”
Miglior commedia o musical: “American Hustle, L’Apparenza Inganna”
Miglior attore di commedia: Leonardo DiCaprio per “The Wolf of Wall Street”
Miglior regista: Alfonso Cuaron per “Gravity”
Miglior film d’animazione: “Frozen, Il regno di ghiaccio” di Chris Buck e Jennifer Lee
Miglior film straniero: “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino
Migliore sceneggiatura: “Her” di Spike Jonze
Miglior attore non protagonista: Jared Leto per “Dallas Buyers Club”
Miglior attrice protagonista di commedia: Amy Adams per “American Hustle, L’apparenza inganna”
Miglior canzone: “Ordinary Love” di Bono, Adam Clayton, The Edge, Larry Mullen Jr., Brian Burton (“Mandela: Long Walk to Freedom”)
Miglior colonna sonora: “All Is Lost, Tutto è perduto” di Alex Ebert
Miglior attrice non protagonista: Jennifer Lawrence per “American Hustle, L’apparenza inganna”

Televisione
Migliore serie commedia: “Brooklyn Nine-Nine”
Miglior attrice in una serie tv commedia: Amy Poehler per “Parks and Recreation”
Miglior attore in un film tv: Michael Douglas per “Dietro i candelabri”
Miglior attore in una serie tv commedia: Andy Samberg per “Brooklyn Nine-Nine”
Miglior attrice in una serie tv drammatica: Robin Wright per “House of Cards”
Miglior attore non protagonista: Jon Voight per “Ray Donovan”
Miglior serie tv drammatica: “Breaking Bad”
Miglior attore in una serie tv drammatica: Bryan Cranston per “Breaking Bad”
Miglior attrice in un film tv: Elisabeth Moss per “Top of the Lake”
Miglior film tv: “Dietro i candelabri”
Miglior attrice non protagonista: Jacqueline Bisset per “Dancing on the Edge”