Il veleno di insetti per curare tumori: la nuova scoperta della medicina

chiudi

Caricamento Player...

Il veleno di insetti per curare tumori: potrebbe portare a successi insperati: per ora è una fase sperimentale, ma i risultati si sono dimostrati molto interessanti.

Un altro passo avanti della ricerca e della medicina con l’aiuto di Madre Natura: il veleno di insetti per curare tumori.

Sono i ricercatori della University of Illinois che hanno presentato i primi risultati del proprio lavoro di ricerca al 248esimo Meeting Nazionale della American Chemical Society.

Si tratta di una fase sperimentale di laboratorio nel corso della quale tossine presenti in alcuni di questi veleni sono state testate con successo su tessuti umani malati di melanoma e campioni di cancro alla mammella.

Dipanjan Pan, ricercatore all’Università dell’Illinois di Urbana-Champaign, ha spiegato:

“Abbiamo utilizzato in modo sicuro le tossine del veleno all’interno di sottili nanoparticelle per trattare le cellule di cancro al seno e di melanoma in laboratorio. Queste particelle, che sono mascherate al sistema immunitario, portano la tossina direttamente alle cellule tumorali, risparmiando i tessuti sani”.

E’ solo un primo passo, ma i risultati si sono dimostrati subito molto interessanti: la mellitina, proteina del veleno delle api, risintetizzata in grandi quantità e poi “ricompressa” in nanoparticelle, inserita nel cuore del tessuto tumorale, ha in pratica risparmiato le cellule sane e nello stesso tempo ha bloccato l’evoluzione del cancro, fermando quelle malate.

Gli esperti assicurano che, dati questi primi risultati, entro il prossimo quinquiennio la sperimentazione di farmaci anticancro basati su tossine e veleni di animali potrebbe avvenire su soggetti malati. Se fosse confermato, si tratterebbe di un passaggio veramente importante nella lotta a un male che è la prima causa di morte in molti Paesi.

Non è però pensabile iniettare direttamente il veleno in un paziente: fra i possibili effetti collaterali ci potrebbero essere, ad esempio, danni al cuore o ai nervi, coagulazione del sangue o, al contrario, emorragie.