Valerio Scanu felice a Tale e quale show: “Ho dimostrato di essere simpatico!”

Valerio Scanu parla della sua esperienza a Tale e quale show e si dichiara soddisfatto di aver dimostrato di essere simpatico e ironico.

chiudi

Caricamento Player...

Il cantante Valerio Scanu si è classificato secondo al programma Tale e quale show, con l’imitazione di Ornella Vanoni, vincendo una personale sfida contro chi lo definiva presuntuoso e arrogante.

Leggi anche: Incidente sexy per Veronica Maya a “Tale e quale show”

Da anni ormai il cantante viene etichettato come presuntuoso e arrogante, ora grazie anche a Tale e quale show ha avuto la possibilità di dimostrarsi simpatico e ironico:

“Grazie a Tale e quale Show tutti sano che sono una persona ironica e simpatica, e sono riuscito finalmente a vincere i luoghi comuni che mi accompagnavano da cinque anni, da quando cioè ho partecipato ad Amici. Negli anni sono stato definito presuntuoso, arrogante, c’è stato anche che mi ha chiamato cucciolo presuntuoso, fra l’altro senza nemmeno conoscermi. I luoghi comuni sono duri a morire, ma adesso penso di avere mostrato il vero me stesso. Sono una persona ironica, mi piace prendermi in giro da solo, così come mi piace prendere in giro gli altri”

Sono queste le parole rilasciate da Valerio Scanu nel corso di un’intervista a “Dipiù”:

“Forse tale atteggiamento è stato scambiato per arroganza. Tale e quale Show è un programma che punta molto anche sulla capacità dei protagonisti di prendersi in giro e questo mi ha aiutato a farmi conoscere meglio, più di una semplice apparizione televisiva per cantare un mio brano o rilasciare una breve intervista. Inoltre, ho sempre amato fare le imitazioni, ho sempre amato scimmiottare gli altri, sin da quando andavo alle scuole medie. Appena colgo una caratteristica che mi colpisce in una persona mi viene spontaneo imitarla, e non soltanto nel modo di parlare ma anche in quello di muoversi, di gesticolare”

Ora per lui si prospetta una nuovo futuro, magari una partecipazione a Sanremo:

“Sì, se ne parla, ma non ne sono così certo. Forse sì, forse no. E poi non ho ancora mandato la canzone. Sanremo è un grande impegno che va preparato con attenzione e non va preso alla leggera. Io da oltre due mesi vivo negli studi di Tale e Quale. Arrivo tra le nove e le dieci del mattino e se va bene esco alle 8 di sera. Dal lunedì al venerdì, non ho tempo per altro. Un grande impegno che mi ha divertito e mi ha aiutato a vincere i luoghi comuni che mi accompagnavano da troppo tempo”