Uomini preferiscono donne basse e more: ecco svelato perchè

La scienza conferma che gli uomini preferiscono sposare questa tipologia di donna, ritenuta più affidabile e femminile.

chiudi

Caricamento Player...

Secondo uno studio coordinato dallo psicologo olandese Gert Stulp gli uomini preferiscono le donne basse. L’altezza prediletta è 1 metro e 60. Questo è l’identikit della loro compagna di vita. Per arrivare a questa conclusione, il dottor Stulp, professore dell’Università di Gruningen, ha monitorato circa 10 mila coppie inglesi, verificando che gli uomini prediligono una donna di altezza moderata. Viceversa, anche le donne preferiscono gli uomini più alti di loro. Viene subito alla mente il richiamo della protezione che gli uomini vogliono offrire e le donne desiderano ricevere. Ma c’è di più.

Secondo lo psicologo Stulp, il motivo di questa scelta maschile è da ricercare e motivare sul maggior numero di estrogeni presenti nelle donne basse, che risultano, quindi, più attraenti. Gli uomini preferiscono le donne più basse, proprio perché queste ultime sono più femminili. O almeno questa è la percezione maschile in merito alla loro mite statura. A completare l’identikit femminile della compagna di vita ci sono anche i capelli: rigorosamente scuri.

Gli uomini scelgono le more, perché considerate più abili, più mature e più affidabili; ottime madri, mogli perfette.

Uno studio britannico, dopo aver analizzato un campione di 1.500 uomini, ha rilevato che il 67% di loro ritiene le bionde meno auto-sufficienti, frivole, lunatiche e distratte. Lo conferma uno studio polacco. Perfino una ricerca sul curriculum vitae, sottolinea che le aziende assumono prevalentemente donne more. A questo punto, non resta che consigliare a tutte le bionde in carica di marito di tingersi immediatamente i capelli. Anche un castano può andare. “Gli uomini preferiscono le bionde” era il titolo del film cult del 1953, diretto da Howard Hawks, con Marilyn Monroe. Poi il tempo è passato e la frase è stata completata con “ma sposano le more”.