Una multa di 35 mila euro per Antonella Clerici, direttamente dalla RAI

La Rai avrebbe intenzione di multare Antonella Clerici per una dichiarazione non gradita rilasciata durante un’intervista con Simona Ventura

chiudi

Caricamento Player...

Antonella Clerici rischia una multa di 35 mila euro da parte della Rai. A riportare la notizia è Italia Oggi che svela i retroscena dietro questa inaspettata decisione della tv pubblica.

Leggi anche: Antonella Clerici pensa di abbandonare la Tv

Il motivo della multa nei confronti di Antonella Clerici, conduttrice da molti anni, sarebbe da ricondurre a una dichiarazione rilasciata durante un’intervista con Simona Ventura, dichiarazione che i vertici della RAI non avrebbero gradito.

“Da professionista ho conosciuto senz’altro momenti migliori. È un periodo di crisi per la Rai: si è passati da troppo a troppo poco, da un lassismo totale a una burocrazia che ti ferma qualsiasi cosa. Fazio ha George Clooney, io Lando Fiorini. Un po’ gli ospiti ti servono. Un ospite ti fa lo show, poi l’idea deve essere buona”.

Questa sarebbe la dichiarazione incriminata, che si riferisce al flop del programma condotto da Antonella Clerici, “Senza Parole”. Un’affermazione che costerà alla conduttrice circa 35 mila euro.

Multa che ai più pare decisamente ingiusta, perchè Antonella Clerici aveva anche dimostrato un certo ottimismo nei confronti della rete che l’ha vista protagonista per molti anni.

“Piano piano troveremo un equilibrio, l’intrattenimento sta avendo un periodo di ferma. Funzionano i brand consolidati e c’è meno attesa nei confronti delle novità. Io sono figlia di quest’azienda e ce la metto tutta. Sono trent’anni che lavoro qui, salvo una parentesi di sei mesi a Mediaset. A parte Miss Italia ho fatto tutto. Non è che Tom Cruise ha fatto tutti film da Oscar, ha fatto anche film andati meno bene. […] In Italia abbiamo un brutto vizio, basta che sbagli una cosa e dicono ‘quella è finita’. Aspettano solo di impallinarti. Quello che hai fatto è una parte della tua vita e della tua carriera. Poi c’è un momento in cui dici ‘un anno è stato perfetto e un altro no’.”