Tre cucchiai di miele di Manuka al giorno per essere sani

Il miele di Manuka è l’alleato numero uno della milza, organo che assicura la salute del sangue.

chiudi

Caricamento Player...

Tra tutti i mieli, uno dei più preziosi è quello ricavato dalla pianta di Manuka, presente in Nuova Zelanda.

Il miele di Manuka è da tutti riconosciuto come potente antibatterico, antivirale, antisettico, antinfiammatorio, antiossidante, antifungineo.

Il dosaggio consigliato dagli esperti è di un cucchiaio 3 volte al giorno prima dei pasti, perché il miele di Manuka fa bene a tutto l’organismo, in particolare alla milza. Questo vuol dire che il suo effetto benefico si riverbera sulla salute del sangue.

Uno studio condotto all’interno dell’Università degli Emirati Arabi ha dimostrato che il miele di Manuka contribuisce a inibire la crescita delle cellule tumorali.

In caso di tumore e di chemio terapia, il miele di Manuka è in grado affievolire gli effetti collaterali tossici di quest’ultima.

Un’altra straordinaria proprietà di questo alimento è quella antibatterica: uno studio australiano, pubblicato su PlosOne, ha evidenziato che il miele di Manuka è in grado di fare da scudo contro germi e batteri. Secondo gli esperti, inoltre, potenzia l’efficacia degli antibiotici nei confronti dei batteri, compresi E.coli e Staphylococcus aureus.

In inverno, contribuisce a prevenire e a alleviare i disturbi dovuti a raffreddore e sinusite.

E ancora, combatte anemia, ulcera, ulcera duodenale, candida, reflusso gastroesofageo, bruciore di stomaco, colite e diarrea.

E’ rigenerante e depurativo, grazie all’azione che svolge sulla milza, organo deputato a filtrare il sangue, eliminando i globuli rossi vecchi e riciclandone il ferro e le proteine.

Avrete una sensazione di maggiore energia, grazie all’innalzamento della ferritina, stimolato dal miele di Manuka.

Questo prodotto si trova per lo più nelle erboristerie e nei negozi di prodotti naturali.