Torna “Amore Criminale”, condotto da Barbara De Rossi, con le tragiche storie di violenza sulle donne

Barbara De Rossi torna in onda con Amore Criminale, focus sulla tragica storia di Mariella Anastasi uccisa a picconate dal marito

chiudi

Caricamento Player...

Barbara De Rossi torna alla conduzione di Amore Criminale, alle 21.05 su Rai Tre, il programma che racconta le tragiche storie delle donne vittime di violenze e abusi da parte degli uomini che credono di amare.

Leggi anche: Barbara De Rossi minacciata dall’ex:”Ti ammazzo!”

Il format di Amore Criminale sarà simile al precedente: ci saranno sette attori voci narranti a leggere gli atti giudiziari e quest’anno ci sarà Veronica De Laurentiis, donna che ha vissuto in prima persona l’esperienza di vivere al fianco di un uomo violento.

Amore Criminale è un programma che fa riflettere sulla situazione attuale delle donne in Italia e nel mondo, ancora troppo spesso vittime di violenze e abusi da uomini che dicono d amarle.

La prima puntata, tra le altre storie, si è focalizzata sul caso di Mariella Anastasi, uccisa a picconate dal marito e poi bruciata. Mariella era al nono mese di gravidanza e aveva già accettato di vivere con l’amante del marito in casa, i due, Salvatore Savalli e Giovanna Purpura, poi, hanno compiuto lo spregevole gesto.

Mariella era una donna solare ed energica costretta dal marito a lasciare il lavoro e a vivere sottomessa. Madre di tre figli era incinta della quarta: quando è stata brutalmente uccisa, mancavano due settimane al parto.

Oltre che con lei, il marito era già stato violento anche con i figli tanto da ferire a un occhio una figlia e far perdere i sensi al figlio. Quando la famiglia lo ha denunciato, Mariella a sorpresa lo ha difeso dicendo che era stata una ragazzata da parte dei figli.

Salvatore ha continuato a maltrattarla e a tradirla fino portare direttamente in casa l’amante Giovanna. A quel punto è scoppiata la lite e Salvatore e Giovanna, complici, hanno ucciso brutalmente Mariella e la ba,bina che portava in grembo.

Dopo due anni di processo, i due sono condannati all’ergastolo.