Tirati sù, Guardati un Film!

Il malumore spesso ci priva dell’interesse a fare qualsiasi cosa. Ma quando ci sentiamo giù, può essere di sollievo guardare un bel film.

chiudi

Caricamento Player...

Il malumore spesso ci priva dell’interesse a fare qualsiasi cosa. Ma quando ci sentiamo giù, può essere di sollievo guardare un bel film: che ci faccia ridere o ci faccia piangere, che sia un classico oppure un’ultima uscita, l’importante è scegliere un titolo che ci sollevi d’animo e ci tiri fuori dal limbo da cui ci sembra di essere caduti. Ecco un trio carino di film, in cui immergersi nella visione, abbracciando un recipiente straripante di scoppiettanti popcorn:

Love Actually – L’Amore Davvero
Film del 2003, scritto e diretto da Richard Curtis, con un ricco cast stellare, tra cui Hugh Grant, Colin Firth, Emma Thompson, Rowan Atkinson.  La trama è un intreccio di relazioni e di amori: dieci storie, con protagonisti inglesi molto diversi, accomunate dal fatto di svolgersi contemporaneamente e di iniziare 5 settimane prima di Natale. In questa commedia romantica c’è un pizzico di qualcosa per ognuno: l’infatuazione da adolescenti, l’amore non corrisposto, l’amicizia, tante risate, Londra e la Francia a fare da scenario, ed un cast di tutto rispetto.

La Vita è Meravigliosa

Film del 1946, in bianco e nero, diretto da Frank Capra. Con James Stewart. Un classico veramente niente male e denso di significato. Dolce ma non sdolcinato. Trasmette speranza e soprattutto fa riflettere su come la nostra vita, che a volte ci pare inutile, in realtà abbia un significato immenso per la vita delle persone che ci circondano. La trama è incentrata su George Bailey, un uomo nato e cresciuto in una piccola cittadina che, dopo aver rinunciato ai propri sogni e aspirazioni per aiutare il prossimo, colto dalla disperazione, è sul punto di farla finita la sera della vigilia di Natale. In suo soccorso, grazie alle preghiere sue e di amici e familiari, arriverà un angelo custode, mandato da Dio.

Tootsie
Film diretto da Sydney Pollack, interpretato in modo egregio da Dustin Hoffman e Jessica Lange. Pluri-nomitato agli Oscar nell’anno 1982, è certo che, non importa quanto sia il livello di tristezza che avrete quando ne inizierete la visione, perché trascorso il primo quarto d’ora, vi sarete dimenticati di tutto e l’unica cosa in cui resterete concentrati è ridere e seguire le trasformazioni fisiche e vocali compiute dallo rocambolesco attore protagonista Michael Dorsey (Dustin Hoffman) per entrare nei panni dell’attempata, ma molto femminile, attrice di soap Dorothy Michaels, unica chance per poter finalmente interpretare un ruolo di rilievo in TV.

Buona visione e soprattutto….buon umore!