Il Film “The Interview” con Seth Rogen e James Franco irrita la Corea del Nord

La Corea del Nord minaccia rappresaglie per la realizzazione del film commedia “The Interview” con Seth Rogen e James Franco in cui viene ucciso il dittatore Kim Jong-un.

chiudi

Caricamento Player...

L’uscita nelle sale è prevista per il prossimo 10 ottobre ma “The Interview”, il film commedia diretto da Evan Goldberg e Seth Rogen ed interpretato dallo stesso Rogen, da James Franco, Lizzy Caplan, Randall Park e Diana Bang, rischia già di provocare un incidente diplomatico.

In Corea del Nord hanno giurato di  prendere adeguate contromisure, visto che nella trama i due protagonisti sono incaricati dalla Cia di uccidere il dittatore Kim Jong-un.

Una  fonte del governo nordcoreano ha fatto sapere attraverso l’agenzia governativa che il suo Paese è pronto a tutto:

“Se l’amministrazione Usa patrocina la proiezione del film, invieremo una contromisura forte e spietata”. Il film non è (naturalmente) prodotto da Barack Obama e dal suo governo, ma dalla Sony. Dalla Corea del Nord, però, insistono: “La realizzazione di un film che ritrae un attacco contro il vertice della nostra leadership è un atto di terrorismo e di guerra sfrenato e inaccettabile”.

Ma cosa ne pensano il regista e gli attori? Ecco Seth Rogen:

“Abbiamo letto il più possibile su quello che era disponibile su questo argomento, che dei giornalisti potessero portare a termine un assassinio sfruttando la possibilità di entrare a contatto coi più importanti leader mondiali. Abbiamo parlato con delle persone nel governo il cui lavoro è associato alla Corea del Nord o sono degli esperti”.

Benzina sul fuoco, insomma, che anziché placare le polemiche rischia di infiammarle ancora di più. Nessun commento da parte della Sony fino ad oggi, mentre aumenta la preoccupazione per la realizzazione di un film leggero, che però ad altre latitudini è avvertito come terribilmente pesante.

Guarda cosa accadde oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”21130″]