Le Terapie consigliate dall’Esperto per ridurre la Cellulite

La “panniculopatia edemato-fibrosclerotica”, comunemente detta cellulite , è una malattia infiammatoria del sottocute che, a volte, può manifestarsi con gravi danni, non solo estetici. Essa è dovuta ad una stasi venosa e/o linfatica cronica.

chiudi

Caricamento Player...

Possono facilitarne l’insorgenza o aggravarne la manifestazione: cause genetiche (malformazioni/disfunzioni del circolo venoso, ipoplasie linfatiche), cardiopatie, cause ormonali (terapia estrogenica, ipotiroidismo), varici, diete incongrue (intolleranze alimentari,cibi salati, diete con poca frutta e verdure, eccessiva assunzione di zuccheri, scarsa idratazione…), posture non corrette (piedi piatti, tacchi molto alti , abitudine di accavallare le gambe) , pantaloni troppo stretti o guaine troppo aderenti, scarsa attività fisica, tumori, postumi di interventi chirurgici, traumi…

La terapia, quando possibile, deve essere rivolta alle cause della rallentata circolazione venosa e/o linfatica: è quindi indispensabile un’attenta visita medica.

Le terapie più frequentemente consigliate per la cellulite sono: cura delle varici, elastocompressione (calze elastiche), farmaci vaso attivi (Flavonoidi), correzioni posturali, ozonoterapia.

L’ozonoterapia, per quanto vedremo in seguito, da sola e/o insieme alle altre terapie, merita certamente un ruolo maggiore di quello svolto oggi.

L’ozono, composto da 3 atomi di ossigeno, è normalmente prodotto dai globuli bianchi di tutti gli esseri viventi. Esso, oltre che riattivare il microcircolo, permettendo una migliore ossigenazione e drenaggio dei tessuti, svolge diverse importanti funzioni: antinfiammatoria, antibiotica , virus-statica, antitrombotica. Per questi motivi l’ozonoterapia è sempre più frequentemente usata, insieme alle cure tradizionali o da sola, oltre che in estetica, per la cura di molte patologie, anche gravi: malattie cardio-vascolari, postumi di trombosi ed ictus, patologie ortopediche, sclerosi multipla, artrite reumatoide…

Cellulite
Cellulite

L’effetto antibiotico dell’ozono meriterebbe certo maggiore attenzione da parte di tutti i medici e degli operatori ambientali. Esso è già usato da circa un secolo come disinfettate e per rendere potabili le acque. Sempre più spesso l’Organizzazione Mondiale della Sanità lancia l’ allarme sulla antibiotica resistenza. Sempre più frequenti sono le infezioni che non riusciamo più curare con gli antibiotici; mentre non esiste nessun batterio resistente all’ozono. L’ozonoterapia, praticata da un medico esperto che rispetti protocolli della SIOOT (Società Italiana di Ossigeno-Ozonoterapia), non è tossica e non può scatenare allergie.

Durante le giornate caldo-umide, la cellulite può essere più evidente e dolorosa. Praticando piccole infiltrazioni sottocutanee, con un ago molto piccolo, avrete un immediato beneficio: sentirete le gambe subito molto più leggere; in poche sedute, vedrete scomparire la pelle a buccia di arancia e ridursi lo spessore del sottocute, la pelle diventerà più liscia e morbida, le macchie scure alle caviglie diminuiranno o scompariranno, aumenterà la diuresi, le cicatrici si appianeranno, le rughe e le smagliature saranno meno evidenti, diminuirà l’astenia. Un ciclo di 10-12 sedute congiunto agli accorgimenti dietetico-posturali ed a una moderata attività fisica potrà migliorare in modo evidente e persistente la qualità della vita dei pazienti.

Dr. Vincenzo Simonetti, Via Lamarmora 43 Torino, Tel. 011.5805696

Guarda cosa accadde oggi.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”22885″]