“Tanta felicità. Pronto a tornare in campo”: Berlusconi prosciolto dal caso Ruby

Berlusconi pronto a tornare in campo dopo l’assoluzione dal caso Ruby: la notizia dell’assoluzione ha ricompattato anche il partito: “Tanta felicità, mi sono tolto un macigno dal cuore”.

chiudi

Caricamento Player...

Silvio Berlusconi è stato assolto dal caso Ruby. L’ex cavaliere della Repubblica si dichiara felice della notizia. Un momento che aspettava da anni nel quale è stata dichiarata la sua innocenza su quello che lui stesso, più volte, ha definito un processo insensato e ingiusto.

Berlusconi, raggiunto telefonicamente dai media dlla stampa ha detto:

“Ora aspetto buone notizie anche dalla Corte Europea”.

Su di lui pende il ricorso per il processo Mediaset per cui la Cassazione gli ha inflitto 4 anni per frode fiscale (per i quali Berlusconi ha appena terminato di scontare la pena ai servizi sociali).

Ora c’è già chi pensa che la sua prima battaglia sarà quella destinata a modificare la legge Severino che gli impedisce di potersi nuovamente candidare.

Parliamo della legge che riguarda l’incandidabilità degli amministratori locali condannati in primo caso: come avvenuto per il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e quello di Salerno, Vincenzo De Luca.

Il verdetto dell’assoluzione di Berlusconi ha scatenato le inevitabili dichiarazioni dei fedelissimi tra cui Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia:

“Gioia infinita per decisione Cassazione. Berlusconi in campo più forte di prima, con un grande partito alle spalle. Oggi Italia è Paese migliore”.

Aggiunge Daniela Santanchè:

“La signora Boccassini e la procura di Milano chiedano scusa al Paese per il tentativo, davvero subdolo, di aver dato vita a un processo basato sul nulla, se non sul loro fanatismo”.

Conclude Giovanni Toti, consigliere politico di Berlusconi:

“È un’ottima notizia che risarcisce solo in minima parte tutto quello che ha subito Berlusconi e con lui tutti i moderati italiani in questi anni. Quello che si conclude oggi con una doverosa assoluzione è un processo che mai si sarebbe dovuto celebrare”.