Stelle Marine: virus killer fa strage nel Mar dei Salish

Intere popolazioni di stelle marine del Mar dei Salish, lungo la costa occidentale di Stati Uniti e Canada, sono state decimate a causa di un virus Killer

chiudi

Caricamento Player...

Un report dell’Università della California pubblicato sulla rivista Plos One ha reso nota una triste notizia: La popolazione di stelle marine del Mar dei Salish, lungo la costa occidentale di Stati Uniti e Canada, è stata decimata da un virus killer.

La malattia, chiamata “Sea Star Wasting Syndrome”, ha colpito una particolare specie di stella marina, detta “girasole”.

Il virus che ha fatto strage di stelle marine provoca infezioni agli arti, facendoli staccare dal corpo e provocando la fuoriuscita degli organi interni dalle stelle marine. Dal 2013, quando è scoppiata l’epidemia per la prima volta, almeno 20 specie diverse ne sono state colpite con una moria senza precedenti.

L’epidemia era scoppiata nel 2013 e in questi anni sono state almeno 20 le specie ad esserne colpite. In particolare nel mar di Salish le stelle marine girasole sono praticamente scomparse. La stella marina girasole e’ un predatore e la sua assenza potrebbe portare a danni a tutto l’ecosistema.

Le conseguenze

Le stelle marine girasole si nutrono di mitili, balani, lumache, molluschi e altri animali marini più piccoli, quindi la loro salute è considerata una cartina di tornasole della vita marina nel complesso in una determinata area.

Quando le stelle marine diminuiscono in numero, la popolazione delle cozze ha la potenzialità per aumentare drammaticamente, il che potrebbero portare ad alterare in modo significativo la zona rocciosa.

Le stelle marine costituiscono una componente importante della base della catena alimentare dell’oceano e sono considerati un predatore top: sono una forma di invertebrato molto comune; ne esistono più di 200 specie, chiamate più esattamente asteroidi. Esse hanno un diametro che va da 2 centimetri a 1 metro. Hanno una particolare capacità di rigenerare parti del suo corpo.

Fonte Foto: Pixabay