Sonia Bruganelli:”Avevo paura a toccare mia figlia, ora lei sta meglio”

“Con Paolo ho un rapporto bellissimo, ma l’ho obbligato a sposarmi” Sonia Bruganelli si racconta a Domenica In

chiudi

Caricamento Player...

Nello studio di Domenica In  Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis, si è raccontata ai microfoni di Paola Perego e ha parlato della sua famiglia, del rapporto con Paolo, dei suoi tre figli, in particolare di Silvia, nata con un problema cardiaco.

Leggi anche: Silvia, figlia di Paolo Bonolis e Sonia Bruganelli ha problemi di crescita

Sonia Bruganelli è insieme a Paolo Bonolis dal 1997 e sono sposati dal 2002. Dalla coppia sono nati tre figli: Silvia, Davide e Adele.

Sonia Bruganelli racconta del matrimonio con Paolo Bonolis, di come lo abbia”obbligato” a sposarla.

“L’ho obbligato a sposarmi, non gli ho lasciato scelta. Quando lo racconto non ci credono! Lui voleva una vita serena e tranquilla e io ero gelosissima di lui. Così l’ho costretto!”

Ha parlato poi di Silvia, la primogenita di Sonia Bruganelli e Paolo Bonolis, nata con un problema cardiaco, in seguito a un’operazione  ci sono state complicazioni che hanno provocato problemi motori.

“Quando mi sono sposata ero incinta di tre mesi. Silvia è stata l’evento che ha sconvolto la vita. All’inizio ci ha spaventato, è stata un uragano nella nostra esistenza. Quando è nata aveva un problema cardiaco e ha dovuto subire subito alcuni interventi. Durante una di queste operazioni, ci sono state delle complicazioni e lei ha riportato alcuni problemi motori. Io la vedevo così piccola con tutti quei tubicini e avveo paura persino a toccarla, ad allattarla. E poi mi sentivo in colpa per questo.  Temevamo che non potesse camminare o muoversi. E invece, oggi Silvia ha 12 anni ed è una ragazzina perfettamente integrata e indipendente, quasi non ha bisogno di aiuto. E ha una vita sociale bellissima, è “fidanzata” da 6 anni! Con Paolo ha un rapporto splendido, lei non ha filtri e dice sempre quello che pensa.”

Sonia ha parlato anche degli altri due figli, Davide e Adele:

“Davide è tenerissimo, ieri mi ha fatto ridere perché abbiamo adottato un gattino e lui ha detto: “Sono in pensiero, come farà senza la sua mamma?”. E Adele è incredibile, a 8 mesi già diceva le prime parole, a 12 parlava perfettamente e oggi sembra un’adulta. È il ritratto di Paolo.”