Simona Ventura e Stefano Bettarini sull’Isola dei Famosi 2016?

Simona Ventura e Stefano Bettarini potrebbero essere concorrenti insieme sull’Isola dei Famosi 2016

chiudi

Caricamento Player...

A marzo 2016, su Canale 5 ripartirà una nuova edizione de L’Isola dei Famosi, condotta sempre da Alessia Marcuzzi e secondo un’indiscrezione lanciata da Oggi, due dei concorrenti potrebbero essere Simona Ventura e Stefano Bettarini e la notizia ha del clamoroso. Primo perchè Simona Ventura, ex conduttrice dello stesso programma, sembrava non apprezzare il lavoro della Marcuzzi, secondo per lei e Bettarini hanno alle spalle una storia d’amore molto importante che è già finita 11 anni fa. Pare che Super Simo sia pronta, alla faccia di tutti, a fare la naufraga.

Di nuovo insieme

Le voci sulla partecipazione di entrambi allo show non sono ancora state confermate, ma, se così fosse, si tratterebbe di una vera e propria bomba pronta ad esplodere.

Simona Ventura e Stefano Bettarini hanno avuto una lunghissima storia d’amore che ha tenuto banco sulle riviste di gossip per anni, fino al matrimonio nel 1998 e all’inaspettata separazione nel 2004, che ha portato al divorzio nel 2008.

I due hanno avuto due figli Nicolò e Giacomo, che vedono regolarmente entrambi come da accordi dopo la separazione.

Ormai ne è passata di acqua sotto i ponti: Bettarini è reduce dalla recente delusione d’amore con Ilenia Iacono che gli ha dato il ben servito poche settimane fa, mentre Simona è impegnata con Gian Gerolamo Carraro, figlio di Nicola, marito di Mara Venier.

L’ex coppia d’oro, quindi, potrà rivedersi davvero sull’Isola dei Famosi, cosa che, per ora, è solo una supposizione dovuta a una serie di indiscrezioni.

Nel caso questo accada però, il pubblico di Canale 5 avrà di che divertirsi nello scoprire come potranno comportarsi i due una volta trovatisi insieme sull’Isola Dei Famosi, davanti alle telecamere per diverse settimane, senza viveri e comodità. E sicuramente c’è chi spera nel ritorno di fiamma.

Simona Ventura e Stefano Bettarini
Fonte: Corriere.it