Silvia Provvedi torna a parlare di Fabrizio Corona

Intervistata da Paola Perego a Parliamone Sabato, Silvia Provvedi è tornata a parlare di Fabrizio Corona negando di essere stata cacciata dalla casa di lui.

chiudi

Caricamento Player...

Silvia Provvedi, di Le Donatella, è tornata a parlare del suo fidanzato Fabrizio Corona, di nuovo in carcere dopo essere stato accusato di intestazione fittizia di beni. La cantante ha negato, intervistata da Paola Perego a Parliamone Sabato, di essere stata cacciata dalla casa di Corona: “Io dormivo pacificamente, dei giornalisti mi hanno svegliato dicendomi che la casa era sotto sequestro… Comunque non è cambiato nulla, sono ancora lì, presumo sia in sequestro per via cautelativa, posso stare lì. Non mi hanno sfrattato”.

Silvia Provvedi: “Fabrizio è molto forte e reagisce con coraggio”

silvia-provvedi-instagram

FONTE FOTO: INSTAGRAM

Silvia Provvedi, sin dall’arresto di Corona, si è mostrato molto vicino al suo uomo, dimostrando grande forza e attaccamento all’ex re dei paparazzi. La cantante ha intenzione di rimanere accanto all’uomo che ama, oggi e in futuro: “Sapevo che i miei messaggi di amore sui social gli sarebbero arrivati, era l’unico modo nei primi giorni di carcerazione. Ora lo posso vedere. Il nostro rapporto non è mai stato improntato sulla normalità, abbiamo 20 anni di differenza… Io me ne frego dei giudizi degli altri, stargli accanto è l’unica cosa che voglio fare, vado a letto con la coscienza a posto.

Cerco di portare positività a lui tutte le volte che lo vedo, ovviamente anch’io ho degli alti e bassi, ma cerco di non mostrarglieli quando lo vedo, anche se ora mi sentirà e lo capirà. Ha tanta paura mista a confusione. Io lo conosco bene, so che non è un delinquente, credo nella sua innocenza e continuerò a dirlo perché so che si arriverà alla verità. Credo nella magistratura, sono fiduciosa che tutto si risolverà al meglio. Bisogna avere le palle e assumersi le proprie responsabilità”.

Silvia continua a difendere il proprio uomo e crede fermamente nella sua innocenza, mostrandosi fiduciosa nella giustizia: “Io mi sono sempre preservata da questo quando l’ho conosciuto. Ho sempre tenuto in conto che potesse succedere qualcosa del genere, ovviamente speravo in qualcosa di più leggero, d’altro lato potevamo aspettarcelo. Detto questo l’avvocato di Corona sta creando la linea difensiva più forte possibile. Io sono fiduciosa, ma non nego il fatto che ho tanta paura e spero di rivederlo il prima possibile a casa. I suoi soldi sono frutto di lavoro lecito, ci tengo a dirlo prima di qualsiasi cosa. Lui è pienamente consapevole che non sarà una passeggiata, ma si può risolvere tutto”.