Signorini racconta: “Claudia Galanti per parlare di Indila voleva la copertina”

Il direttore di “Chi” Alfonso Signorini, ha definito Claudia Galanti “cinica”. Quando le chiese di intervistarla in merito alla morte della figlia Indila, lei disse: “Parlo, ma voglio la copertina”.

chiudi

Caricamento Player...

Che Claudia Galanti abbia dovuto affrontare la peggiore tragedia che possa colpire una madre nessuno lo nega: pochi mesi fa, la piccola Indila è morta nel sonno, lasciando tutti nel più atroce dei dolori.

Per Claudia Galanti è seguito un periodo di profonda sofferenza.

Nel febbraio scorso, ha voluto rompere il silenzio rilasciando un’intervista al settimanale “Chi”.

Claudia Galanti raccontò che la sofferenza era così forte da averla spinta a pensare al suicidio. Alfonso Signorini le dedicò anche la copertina accompagnata dal commento della Galanti:

“Ho perso per sempre la mia felicità”.

In queste ore, si è ripreso a parlare di quell’intervista. A farlo è il settimanale “Vip” con una dichiarazione che Alfonso Signorini ha rilasciato a Selvaggia Lucarelli. Il direttore di “Chi” sostiene che la Galanti abbia accettato di parlare della morte di Indila, solo in cambio della copertina:

“Faccio il mio lavoro, propongo delle interviste e le persone sono libere di accettare o no. Certo, se mi chiedi il mio punto di vista, io non l’avrei fatta: per me il dolore ha a che fare con il pudore e non si racconta a un giornale. Quando mi sono sentito dire ‘Parlo, ma voglio la copertina’, ho pensato ‘Che cinismo!’, ma non giudico”.

Quando Selvaggia Lucarelli gli ha chiesto come mai ci fosse tanta attenzione su Claudia Galanti, Signorini ha risposto:

“Perché lei rappresenta un mondo che negli anni ’90 era più manifesto, quello degli smargiassi. Per dire, quando era incinta, le ho chiesto delle foto che raccontassero la sua vita nel lusso. Mi è arrivata una foto di lei in una suite che si faceva limare unghie di mani e piedi e pensai ‘Vabè, questa è pazza!’. Le sue transumanze con l’amica Raffaella Zardo tra Formentera e Las Vegas è una realtà da raccontare”.