Sienna Miller parla della sua maternità, un periodo tra alti e bassi

Il periodo più bello e più brutto della sua vita: così Sienna Miller descrive il suo ultimo anno parlando della maternità

chiudi

Caricamento Player...

Una anno agli estremi per Sienna Miller, tra la gioia immensa della maternità, il senso di inadeguatezza, e la rottura, dopo molti anni, con Tom Sturridge questa estate.

Leggi anche: Sophie Marceau, Sienna Miller e molti altri: ecco la giuria del Festival di Cannes

Intervistata da Vogue Uk, Sienna Miller si è raccontata come una ragazza qualunque che vive le difficoltà delle storie d’amore fallite e le paure da neo-mamma, miste alla gioia di avere un figlio. All’età di 33 anni Sienna Miller riflette sul suo ultimo anno di vita, che descrive come travolgente e sconvolgente, nel bene e nel male.

“In realtà è stato il peggior anno e anche il più sorprendente. E ‘un continuo yin e yang, mi rendo conto di eccellere in un settore, ma è difficile gestirli entrambi (lavoro e maternità n.d.r.), anche se il lavoro sta andando veramente bene.”

Sienna Miller, infatti, ha avuto un grande successo con gli ultimi film “Foxcatcher” e “American Sniper”, e pare, secondo quanto riporta IMDb, che abbia già in programma 4 film, tra cui il film drammatico “Burnt” di Bradley Cooper.

Per quanto riguarda la vita privata, Sienna Miller ha dovuto far fronte alla rottura con Tom Sturridge dopo quattro anni d’amore. I due hanno una figlia di tre anni, Marlowe.

“Ovviamente avere un bambino è l’esperienza più incredibile, ma la tua vita è anche catapultata in questo caos e ci si sente esauste. Potrei davvero salire su questo tavolo adesso e addormentarmi. Mi piacerebbe saper gestire meglio le cose, mi piacerebbe essere migliore, anche se magari noi mamme già lo siamo ma non ce ne accorgiamo. Questa è la maledizione della maternità: continuiamo a darci colpe che non abbiamo, ma sono sentimenti totalmente inventati. E non sono sani.”

La maternità è dura, ma Sienna Miller afferma che non la scambierebbe per nulla al mondo. Alcuni mesi fa, a Vogue America, aveva dichiarato:

“Avere una figlia è come dire: “Ci sei, ed è tutto ciò che mi mancava”. E’ come essere su un mondo che solo noi due conosciamo. E’ un’emozione incredibile essere complici di un esserino così piccolo”