Si torna all’Ora Solare: ecco come affrontare i Possibili Disturbi del Sonno.

Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 ottobre torna l’ora solare e quindi le lancette dei nostri orologi dovranno essere posizionate indietro di un’ora.

chiudi

Caricamento Player...

La prima volta che fu utilizzata l’ora solare in Italia fu nel 1916 per poi essere successivamente abolita e reintrodotta definitivamente nel 1966 grazie ad un accordo di tutti i paesi appartenenti alla Unione Europea che prevede che il cambio avvenga  contemporaneamente.

Il motivo dell’introduzione dell’ora legale è stato determinato dalla volontà di ridurre il consumo di energia elettrica, infatti in soli sette mesi, da fine marzo scorso a domenica 27 ottobre si è stimato che l’Italia avrà un risparmio di consumo energetico pari a 90 milioni di euro.

Cosa succede al nostro corpo? Il nostro orologio biologico si adatta ai segnali di luce e buio che sono i “regolatori” delle fasi di sonno ed energia. Dai nostri occhi, la luce arriva al cervello, nell’ipotalamo, che secerne la seratonina, soprannominato ormone del buonumore. L’oscurità invece aumenta la produzione di melatonina che ci accompagna nella fase del riposo.

Come possiamo evitare i disturbi del sonno che potremmo avere domenica al nostro risveglio? Riducendo di un’ora il tempo passato a dormire è importante cercare di sconvolgere il meno possibile le proprie abitudini quotidiane: bisogna infatti cercare di alzarsi più o meno alla stessa ora con un’abbondante colazione e cercando di non tenere conto della variazione, ci si può aiutare anche mangiando con moderazione, evitando caffè e non facendo attività fisica prima di addormentarsi ma bensì al mattino.

E allora non resta che augurarvi.. Buon sonno!