Si è spenta Lilli Carati, icona anni Settanta dei film di genere

In questi giorni l’attrice varesina Lilli Carati, vero nome Ileana Caravati, si è spenta all’età di 58 anni dopo una lunga malattia.

Addio all’attrice dei film di genere anni ’70 Lilli Carati.

La vita di Ileana Caravati, questo era il suo vero nome di Lilli Carati, non è mai stata facile.

Originaria di Varese, un carattere schivo, il suo vero nome era Ileana Caravati. Nel 1974 aveva conquistato il secondo posto a Miss Italia. Da lì arrivarono le prime esperienze nel mondo della moda, poi il passaggio al cinema, scritturata da Franco Cristaldi. Inizia così la sua ascesa.

Dopo gli inizi come modella, venne subito scelta per alcuni film di genere dove la sua fisicità era un elemento centrale. Il più celebre fu “Avere vent’anni”, di Fernando Di Leo, anche se la celebrità presso il grande pubblico arrivò con alcune commedie di Pasquale Festa Campanile, come “Qua la mano” accanto ad Adriano Celentano e soprattutto “Il corpo della ragassa“, con Enrico Maria Salerno.

Dopo essere entrata nel tunnel dell’eroina Lilli Carati trovò nel passaggio al porno il modo più facile per mantenere la sua tossicodipendenza, e che poi la costrinse a ritirarsi.

Tra il 1988 e il 1989 tentò due volte il suicidio, ed ora in anni recenti sembrava aver fatto pace con i propri fantasmi, al punto da andare più volte in tv a raccontare la propria storia e nel 2011 era tornata anche a recitare nel thriller “La fiaba di Dorian“. Un progetto interrotto dopo poche sequenze a causa di un tumore al cervello che la costrinse a una delicata operazione e che adesso se l’è portata via.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 21-10-2014

Licia De Pasquale

X