Si chiama “Rebel Heart” ed è il nuovo album di Madonna, la regina del pop

Domenica sarà Madonna sarà ospite di Fabio Fazio: “Canto i miei due lati, romantico e cattivo. Ma quel che conta è essere liberi”, dice la Popstar

chiudi

Caricamento Player...

La puntata verrà mandata in onda domenica 8 marzo: Madonna sarà ospite a “Che tempo che fa” per quella che si preannuncia essere l’intervista clou del presentatore Fabio Fazio.

Nello studio di Che Tempo Che Fa, Fabio Fazio, visibilmente imbarazzato, viene più volte gelato dalla diva che conferma il suo potere planetario. Fazio stappa un rosso toscano per offrirlo a Madonna. Lei afferra la bottiglia e qualcuno freme: berrà senza bicchiere? No, legge l’etichetta.

La puntata sarà in onda domenica sera su Rai 3, nel talk show che segna il ritorno della 56enne signora Ciccone nella tv italiana dopo 15 anni.

L’occasione è il lancio del suo tredicesimo album dal 1983, Rebel Heart, che esce lunedì.

Nell’album ci sono momenti autobiografici, provocatori e romantici.

La puntata è stata registrata domenica 1 marzo nei blindatissimi studi Rai di Milano, in una selva di fan adoranti che urlano «sei bella!» pure quando tre assistenti si avventano sulla diva per rifarle il trucco.

Madonna dice:

“È facile essere me, io sono io, chi altri dovrei essere? Con questo nuovo album volevo scrivere dei classici, canzoni forti, che puoi riascoltare fra cinque anni. Credo di avere un buon gusto musicale e cerco di collaborare con persone che fanno musica rilevante oggi, come Diplo, Avicii e Kanye”.

Madonna è sempre magnetica e un po’ rigida nell’abito nero con spacco firmato Martin Margiela, e racconta Rebel Heart:

“Mostra i due lati di me, la romantica e la trasgressiva. Spero troviate anche voi il vostro cuore ribelle. Ma non è fare la bad girl che rende liberi, il punto è non ripetere ciò che dicono gli altri. E un’artista può solo battersi contro bigotteria e discriminazioni”.

La signora Ciccone prende anche l’argomento Parigi e gli attentati al giornale Charlie Hebdo:

“Ci ha fatto capire che la libertà non è scontata ma anche che dobbiamo diventare più tolleranti”.